Inghilterra-Australia 37-18

La vittoria di Twickenham contro l'Australia chiude un novembre molto positivo per l'Inghilterra: un convincente 37-18 che porta a sei i successi in fila contro i Wallabies, piegati dalle mete di Jonny May, Elliot Day, Joe Cokanasiga (due in due partite) e Owen Farrell. Tre vittorie e una sola sconfitta contro gli All Blacks per il XV della Rosa. Ma se l'Inghilterra ride, l'Australia non può fare altrettanto: l'Australia di Michael Cheika è in crisi profonda, confermandosi la big più in difficoltà del momento: Meno di 5 vittorie in un anno non arrivavano dal 1995: la strada verso la Coppa del Mondo del prossimo anno è molto tortuosa.
Inghilterra: 15 Elliot Daly, 14 Joe Cokanasiga, 13 Henry Slade, 12 Ben Te’o, 11 Jonny May, 10 Owen Farrell (c), 9 Ben Youngs, 8 Mark Wilson, 7 Sam Underhill, 6 Brad Shields, 5 Courtney Lawes, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Ben Moon
Test Match
O’Shea: "All Blacks di un altro livello, impariamo da queste partite"
24/11/2018 A 16:08
Riserve: 16 Dylan Hartley, 17 Alec Hepburn, 18 Harry Williams, 19 Charlie Ewels, 20 Nathan Hughes, 21 Richard Wigglesworth, 22 George Ford, 23 Manu Tuilagi
Australia: 15 Israel Folau, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Samu Kerevi, 12 Bernard Foley, 11 Jack Maddocks, 10 Matt Toomua, 9 Will Genia, 8 Pete Samu, 7 Michael Hooper (c), 6 Jack Dempsey, 5 Adam Coleman, 4 Izack Rodda, 3 Sekope Kepu, 2 Tolu Latu, 1 Scott Sio
Riserve: 16 Tatafu Polota-Nau, 17 Jermaine Ainsley, 18 Allan Alaalatoa, 19 Rob Simmons, 20 Ned Hanigan, 21 Nick Phipps, 22 Sefa Naivalu, 23 Marika Koroibete

Scozia-Argentina 14-9

Due vittorie in quattro test match per la Scozia di Gregor Townsend, 11a nelle ultime 13 in casa, 10 su 12 sul terreno di Murrayfield. Un successo quello contro i Pumas di pura voglia, visto che l'Argentina ha avuto maggior possesso di palla e territorio, ha concesso meno penalty e ha vinto quasi tutte le battaglie sui punti d'incontro, senza però riuscire a concretizzare. La Scozia invece capitalizza l'unica chance che ha: è il 65° quando Sean Maitland scappa via sulla destra liberato da un illuminante passaggio di Hogg, che sigla l'unica meta di giornata.
Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Sean Maitland, 13 Huw Jones, 12 Finn Russell, 11 Blair Kinghorn, 10 Adam Hastings, 9 Greg Laidlaw (c), 8 Josh Strauss, 7 Hamish Watson, 6 Jamie Ritchie, 5 Jonny Gray, 4 Grant Gilchrist, 3 Simon Berghan, 2 Fraser Brown, 1 Allan Dell
Riserve: 16 Stuart McInally, 17 Alex Allan, 18 Willem Nel, 19 Sam Skinner, 20 Ryan Wilson, 21 George Horne, 22 Alex Dunbar, 23 Byron McGuigan
Argentina: 15 Emiliano Boffelli, 14 Bautista Delguy, 13 Matias Moroni, 12 Jeronimo De La Fuente, 11 Ramiro Moyano, 10 Nicolas Sanchez, 9 Gonzalo Bertranou, 8 Javier Ortega Desio, 7 Rodrigo Bruni, 6 Pablo Matera (c), 5 Tomas Lavanini, 4 Guido Petti, 3 Santiago Medrano, 2 Augustin Creevy, 1 Santiago Garcia Botta
Riserve: 16 Julian Montoya, 17 Juan Pablo Zeiss, 18 Lucio Sordoni, 19 Matias Alemanno, 20 Tomas Lezana, 21 Martin Landajo, 22 Matias Orlando, 23 Sebastián Cancelliere

Galles-Sudafrica 20-11

Quattro vittorie in altrettante sfide per il Galles che supera anche il Sudafrica al Principality Stadium di Cardiff. La squadra di Warren Gatland è in controllo dall'inizio alla fine del match, con i Dragoni che vanno in meta con Francis e Williams. Un piazzato di Pollard prova a lenire lo svantaggio, con il Sudafrica che prova a riaprirla ad inizio ripresa con la meta di Kriel (non trasformata). C'è il piazzato di Jantjies, ma Biggar con due calci chiude il match in maniera definitiva.

L'Haka degli All Blacks è sempre uno spettacolo: l'Olimpico assiste a bocca aperta

Test Match
Pioggia di mete sull'Italia: azzurri travolti dalla Nuova Zelanda per 66-3 all'Olimpico
24/11/2018 A 15:59
Test Match
Quel giorno a San Siro la palla era ovale e gli All Blacks sembravano umani
23/11/2018 A 12:27