Mai dire mai nella vita. A quasi un anno dal terribile incidente in allenamento, era il 25 marzo 2021, Daniel-André Tande ritrova il dolce sapore della vittoria. Una vittoria quasi impossibile da immaginare, già considerando il miracolo di essere tornato a gareggiare. Era andato a sbattere a più di 100 km/h durante un allenamento: il cuore gli si fermò ed ebbe una piccola emorragia cerebrale. Ha rischiato la vita, ma ha combattuto sin da quel nefasto giorno. Dopo essersi risvegliato dal coma, ha continuato a combattere prima del ritorno a tempo di record al Summer Grand Prix 2021. Poi la stagionale invernale, con il saltatore norvegese che ha gareggiato anche alle Olimpiadi di Pechino nel trampolino lungo e nel salto a squadre. Mai immaginava potesse arrivare una vittoria durante la stagione, ma l'ha raggiunta proprio in Norvegia. Ad Oslo. Mettendo in fila Lanisek e Kraft, oltre ai protagonisti della stagione Geiger e Kobayashi.

Tande: "Un giorno speciale. Mai mi sarei aspettato di salire sul podio"

La vittoria è clamorosa considerando anche come era andato nella prima serie di salto. Si era piazzato 4°, con un po' di imperfezioni: 128,5 metri e 130,7 punti. Poi ha ribaltato tutto nella seconda serie di salto, stampando un fantastico 133,5 metri dal trampolino HS134 di Oslo. Porta così a casa un 271,2 di punteggio, che sarà impossibile da recuperare per chiunque. Al 2° posto si piazza Lanisek - anche lui con una gran rimonta - che dopo il settimo posto nella prima serie, chiude la gara con un salto da 131,5 metri che gli vale il 267,1 finale. A chiudere il podio ci pensa Stefan Kraft che perde, in realtà, una posizione rispetto alla prima serie, ma è comunque felice per il suo 266,9 finale. Tanto basta per il successo nel Raw Air Tournament.
Pechino 2022
Lindvik strappa il bis d'oro a Kobayashi nel trampolino grande
12/02/2022 ALLE 12:58

Kraft sul podio: il salto che gli vale il 3° posto... E Kobayashi ringrazia

Al 4° posto un ottimo Markus Eisenbichler che realizza la misura migliore di giornata (135,5 metri), che gli vale però la 'medaglia di legno' a causa di una prima serie non perfetta. Il tedesco anticipa il connazionale Karl Geiger che chiude col punteggio di 262,8 e guadagna molto poco rispetto a Kobayashi che aveva fatto solo 7°. Il giapponese cala parecchio rispetto alla prima serie e porta a casa un punteggio di 260,9. Chiudono la top 10 Johansson (258), Granerud e Hubner (254,1 ex aequo). Ma dove è finito Kamil Stoch? Il polacco si spegne nella seconda serie e non va oltre il 15° posto con 248,9 di punteggio.

Rivivi la prova di Oslo (contenuto premium)

Premium
Salto con sci

Oslo | HS134 Raw Air uomini

02:23:56

Replica
Pechino 2022
"Così uccidono lo sport": cinque squalifiche nel salto con gli sci
10/02/2022 ALLE 11:48
Pechino 2022
Kobayashi sfata il tabù: è oro nel trampolino piccolo!
07/02/2022 ALLE 03:43