Marta Bassino è stordente. La guardi sciare e la domanda sorge spontanea: come fa a venirle tutto così facile? È forse questa, la naturalezza del gesto dove i comuni mortali falliscono, la qualità più luminosa dei fuoriclasse. Il weekend di Kranjska Gora è stato un manifesto. Una doppia fotografia che ci racconta che nella disciplina più completa, il gigante, è lei la regina indiscussa. Ma che ci svela che i confini del suo regno restano indefiniti e inesplorati. Sì, a 25 anni da compiere il meglio deve ancora venire.

Bassino imbattibile! 4 vittorie su 5 in gigante: riguardala

Coppa del Mondo 2020-21
LIVE sci alpino! Brignone vince Super G, ora il gigante uomini
4 ORE FA
CHI VINCE LA COPPA DEL MONDO FEMMINILE 2020/21?

Bassino che domina, Bassino talento atteso. Perché Marta aveva fatto vedere cose mirabolanti già da giovanissima, vincendo l’oro in gigante ai Mondiali juniores del 2014 a Jasna. L’esordio in Coppa del Mondo poco più che maggiorenne (19esima nel gigante di Lenzerheide) e quella magica prima manche alla rassegna iridata dei grandi, a Vail 2015, avevano fatto capire che avesse le carte in regola per scrivere pagine speciali anche ai massimi livelli. Certo, aspettative e pressione possono giocare brutti scherzi e nonostante i primi podi, per qualche stagione sembrava che la dimensione dell’atleta di Borgo San Dalmazzo potesse essere meno nobile di quanto sperato. Ma chi la conosce bene ne è sempre stato sicuro: era solo questione di tempo.

Che forza Bassino! Guarda la vittoria in gigante

Il successo nel gigante di Killington, il primo in Coppa del Mondo (30 novembre 2019), è stato il turning point. Consapevolezza, continuità e una nuova forza mentale, prima di tutto. Ma anche una straordinaria polivalenza. Bassino a podio in cinque specialità, dalla discesa al parallelo. Quest'anno ce l'ha fatta anche nel Super G di Sankt Anton. Le manca solo lo slalom, dove i margini di crescita sono ancora considerevoli (anche se le prime quattro-cinque, al momento, fanno un altro sport). Tra le porte larghe dei gigante, invece, è lei ad avere una sciata inarrivabile per chiunque altra. Fluttuante, leggera, liquida. Numero uno tra le fuoriclasse che ambiscono al successo, sempre e comunque, in questa specialità.

I numeri di Bassino

Gare in Coppa del Mondo - 120
Vittorie in Coppa del Mondo - 5
Podi in Coppa del Mondo - 16
Vittorie in stagione - 4
Podi in stagione - 5

A Soelden ha bruciato la compagna Federica Brignone, l’unica a restarle in scia. A Courchevel 1 si è confermata, tenendo una Sara Hector in giornata di grazia e la leader di Coppa Petra Vlhova a distanza di sicurezza. A Kranjska Gora, su un tracciato infernale, due capolavori: le più dirette inseguitrici (Worley a 80 centesimi il sabato, Gisin a 66 la domenica) col sorriso di chi sa che meglio del secondo posto era impossibile fare. Quattro slalom su cinque in stagione, con la sensazione netta che senza l’errore di Courchevel 2 sarebbe stato bottino pieno. Numeri che restano da urlo e che ricordano quanto fatto da due grandi campionesse azzurre del passato: Deborah Compagnoni (nel 1997/98) e Denise Karbon (nel 2007/08) che vinsero i primi quattro giganti stagionali.

Ricordo di aver visto sciare in Coppa per la prima volta la Bassino tre anni fa, e già allora mi impressionò per la fluidità della sua azione e le pronosticai un futuro di grande successo [Deborah Compagnoni, Gazzetta dello Sport]

Super Bassino vince ancora in gigante: riguardala

La classifica di gigante

1. Marta BASSINO (ITA) - 400
2. Michelle GISIN (SUI) - 272
3. Federica BRIGNONE (ITA) - 250
4. Tessa WORLEY (FRA) - 236
5. Mikaela SHIFFRIN (USA) - 230

Sorride Bassino, che un momento così non l’ha mai vissuto ma che studia per riassaporarlo per tanti anni a venire. Nel breve termine, gli obiettivi alla portata sono soprattutto due. La Coppa di specialità di gigante, che sta dominando con margine su Gisin e Brignone, quando al termine della stagione mancano tre prove (più il recupero da definire per la gara annullata a Semmering). E poi il sogno iridato di Cortina, dove dovrebbe gareggiare in almeno 3 discipline (gigante, Super G e combinata, con finestra sulla discesa). A caccia di un oro mondiale che in campo femminile manca addirittura dalla rassegna del Sestriere, nel 1997, dove Deborah Compagnoni e Isolde Kostner fecero razzia di ori (ben tre). Nel futuro un po’ meno prossimo c’è Pechino 2022 e quella classifica generale di Coppa del Mondo che non è più così utopia…

Bassino in lacrime dopo la vittoria: "Sono emozionatissima"

Coppa del Mondo 2020-21
LIVE sci alpino! Vittorie per Gut e Zubcic
IERI A 08:54
Coppa del Mondo 2020-21
LIVE sci alpino! Discesa Val di Fassa, vince Gut
26/02/2021 A 10:29