Il gran finale della tournée italiana della Coppa del Mondo di sci è degno del suo palcoscenico. A Madonna di Campiglio, sotto gli occhi di un certo Alberto Tomba, arriva una conferma: tra i grandi dello slalom c'è anche Alex Vinatzer. Il classe '99 azzurro cancella il quarto posto del debutto in Alta Badia e torna sul podio undici mesi dopo la prima volta. Nessun timore reverenziale per la 3Tre, domata già nella prima manche con la sua sciata moderna, sfrontata, naturale. E bravo a reggere la pressione nella seconda discesa, non perfetta, a tratti nervosa, e che avrebbe potuto mandarlo fuori giri. Ma Vino c'è, anche di testa. Terzo come a gennaio a Zagabria, stavolta dietro a due norvegesi. Uno è Sebastian Foss-Solevaag, imbattibile per chiunque nella prima metà di gara ma timoroso sul più bello. L'altro è un campione rinato: Henrik Kristoffersen, che ritrova il fuoco sacro dopo l'ennesima manche buia e si mangia la pista come faceva il suo più grande rivale e ora fantasma: Marcel Hirscher. Da dodicesimo a primo nel giro di una manche, non male come trama per tornare grande.

Che Vinatzer! Rivivi il suo 3° posto a Madonna di Campiglio

La top 10

Coppa del Mondo 2020-21
Promossi e bocciati: il pagellone degli azzurri dello sci
23/03/2021 A 17:29
1. Henrik KRISTOFFERSEN (NOR) - 1:35.35
2. Sebastian FOSS-SOLEVAAG (NOR) - +0.33
3. Alex VINATZER (ITA) - +0.34
4. Manuel FELLER (AUT) - +0.35
5. Clement NOEL (FRA) - +0.44
6. Jean Baptiste GRANGE (FRA) - +0.54
7. Linus STRASSER (GER) - +0.54
8. Alexis PINTURAULT (FRA) - +0.54
9. Marco SCHWARZ (AUT) - +0.58
10. Kristoffer JAKOBSEN (SWE) - +0.61
Che bello lo slalom maschile, con la sua imprevedibilità. Bello e diabolico. Lo sa Manuel Feller, a podio sulla Gran Risa e oggi quarto per un centesimo. Lo sa pure Clement Noel, che dopo un'uscita a vuoto riprende la rotta e agguanta il quinto posto: conoscendolo non sarà contento. Lo sa meglio di tutti Jean-Baptiste Grange, classe '84 e due ori mondiali tra i rapid gates. Che ricorderà Madonna di Campiglio 2020 per la rimonta dal 25esimo al sesto posto. Proveranno a cancellarlo dalla memoria, invece, gli svizzeri Daniel Yule e Ramon Zenhaueser. Il primo aveva vinto le ultime due edizioni, ma stavolta non ci azzecca nulla e finisce addirittura fuori dai 20. Il secondo avrà avuto ancora in mente il successo in Badia e getta al vento il secondo posto della prima manche in maniera inconsueta.

Vinatzer c'è: terzo dopo la prima manche a Campiglio

L'Italia si appoggia anche sulle possenti spalle di Manfred Moelgg, quindicesimo al traguardo. Più indietro Simon Maurberger, 23esimo, mentre Stefano Gross non si ripete ed inforca nella seconda manche. Tra alti e bassi, il gruppo azzurro dimostra di poter esser solido e di essere trainato dal più giovane di tutti. Alex Vinatzer, in lotta per il pettorale rosso di specialità con credenziali. E in attesa di ritrovare il miglior Dominik Paris, la speranza più vivida di fare risultato pesante per il movimento maschile dello sci alpino. Quarto, terzo e con nove slalom (più quello iridato di Cortina) nel futuro prossimo della stagione. Ci farà divertire, a sensazione.

Rivivi la seconda manche in VOD (Contenuto premium)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Sci alpino

Madonna di Campiglio | Slalom uomini (2a manche)

00:00:00

Replica
Coppa del Mondo 2020-21
Promossi, bocciati e rimandati: il pagellone dello sci alpino
23/03/2021 A 09:49
Coppa del Mondo 2020-21
Pinturault e Vlhova, re e regina: la rivincita dei "piazzati"
22/03/2021 A 11:13