Sprizza felicità Manuela Moelgg al termine del gigante di Courchevel, chiuso al terzo posto. L’azzurra è salita sul podio per la terza volta consecutiva quest’anno in questa specialità, sempre sul gradino più basso. Non ho parole, sono al terzo podio. Finalmente ho costanza: era quello che cercavo da tanto tempo. Ringrazio lo staff che mi sta dietro e mi sostiene. Un grazie anche alle ragazze, per la sfida interna tra di noi. Io sono qua e me la gioco, sono molto contenta“, ha dichiarato la veterana azzurra ai microfoni di Rai Sport.
Questo è stato forse il podio più difficile dei tre. Il terreno era duro e ondulato ed era difficile trovare la giusta sensibilità. Prima della seconda discesa avevo dolore alla schiena, ma ho fatto un massaggio ed un buon riscaldamento per tenere caldi i muscoli“. Infine, una battuta sul fratello Manfred e soprattutto sul pensiero del ritiro balenato nella sua testa soltanto pochi mesi fa. “Manfred dovrà rifarsi a gennaio. Io tengo, ora sta a lui attaccare (ride, ndr). A fine stagione volevo smettere, poi mi sono allenata bene in bici: ne è valsa la pena!“.
Se Manuela Moelgg sorride, non può fare altrettanto Sofia Goggia, 16^ con tanto di distorsione al primo dito della mano sinistra accusata per via di una botta nel corso della prima discesa. In gigante non ci sono ancora, ho bisogno di allenamento che ancora non ho fatto negli ultimi due mesi. Un po’ per l’uscita di Sölden, un po’ perché c’è stata tanta velocità. La forma arriverà più avanti. La mano è un pochino dolorante ma non mi ha dato fastidio nella seconda run“.
Courchevel
Irene Curtoni festeggia il podio nel parallelo: “Tornare tra le migliori è motivante"
20/12/2017 A 20:48
19^ invece, Irene Curtoni.Non mi sembra di avere fatto grossi errori. Ho perso ancora tanto terreno dall’ultimo intermedio in giù, ma sento di avere nelle gambe una posizione migliore”, le sue parole. Infine, Federica Brignone, uscita nel corso della prima run. “Ho preso un rimbalzo che mi ha buttato per aria. Ho solo una piccola botta, niente di grave. Peccato, mi sentivo bene. Qui a Courchevel è destino che non riesca a fare risultato: guardiamo alla prossima gara che è già lo slalom di domani“.