Mikaela Shiffrin continua ad aggiornare il numero delle sue vittorie in Coppa del Mondo. La statunitense è arrivata alla fatidica cifra di 50 successi (più giovane di sempre), dopo aver trionfato nello slalom di Courchevel. Si tratta anche della 35esima affermazione in questa specialità (raggiunta Marlies Schild) e della 14esima gara vinta nell’anno solare (eguagliato Marcel Hirscher). Questa volta, però, la nativa di Vail ha sofferto e ha dovuto tirare fuori tutto il suo immenso talento: Shiffrin si era trovata sotto al secondo intermedio, per poi esplodere alla massima velocità nella parte finale, vincendo con 29 centesimi di vantaggio su Petra Vlhova.
La slovacca è ancora una volta seconda e soprattutto si è dovuta arrendere nuovamente alla grande rivale. Resta comunque la solita ottima gara per Vlhova, la prima delle “umane”, che ha comunque dato filo da torcere in entrambe le manche all’americana. Il podio è di grande prestigio, visto che lo completa Frida Hansdotter, che ha realizzato il miglior tempo nella seconda manche, chiudendo poi a 37 centesimi dalla vetta della classifica. Quarta posizione per la svizzera Wendy Holdener, staccata di 1.14 dall’americana, mentre al quinto posto si è inserita l’austriaca Katharina Liensberger, brava a rimontare quattro posizioni rispetto alla prima manche.
Courchevel
Costazza: "Mi sono addormentata sul piano"
22/12/2018 A 11:09
Sesta la norvegese Nina Haver-Loseth (+1.49), che ha preceduto la svedese Anna Swenn-Larsson (+1.88) e la canadese Erin Mielzynski (+2.06). Nono posto per Chiara Costazza (+2.34), la migliore delle azzurre, che ha perso una posizione rispetto alla prima frazione. Due prove abbastanza simili per l’azzurra che non ha commesso grandi errori, ma che non è mai riuscita a cambiare ritmo. Completa la top ten la norvegese Kristin Lysdahl (+2.75). Quattordicesimo posto per Irene Curtoni, che recupera due posizioni rispetto alla prima manche e termina a 3.32 dalla vincitrice.
In classifica generale Mikaela Shiffrin continua a dominare. 899 punti per l’americana, contro i 388 di Petra Vlhova, che la insegue anche nella classifica di specialità (400 punti contro 320).