L'aveva sfiorato a Bormio, lo ritrova nella "sua" Kitzbühel: a un anno praticamente esatto dal crack al ginocchio, Dominik Paris torna sul podio in Coppa del Mondo e lo fa nel tempio dello sci. Nella prima delle due discese sulla Streif, l'azzurro dimostra di avere ancora dei margini di miglioramento, ma anche di poter sciare a ritmi irraggiungibili per gli altri, almeno in alcuni settori. Come nella diagonale dopo l'Hausbergkante e sullo schuss finale, dove recupera terreno su chi lo precede in classifica. Domme c'è, Domme è tornato. Altre due gare su questa pista per crescere ancora e per volare ai Mondiali di Cortina con l'obiettivo di giocarsi qualcosa di grosso. Ma è anche il giorno di Beat Feuz, che con questa gara aveva un conto in sospeso. Una maledizione lunga quattro secondi posti (più uno in Super G), spezzata con una discesa da applausi e che premia una continuità davvero eccezionale in questa disciplina. Secondo è Matthias Mayer, l'ultimo vincitore qui e che spaventa lo svizzero fin sul traguardo.

Bentornato Paris! Terzo in discesa a Kitzbühel

La top 10 di Kitzbühel

Kitzbühel
Innerhofer fuori dal podio per un soffio: la sua gara
25/01/2021 A 12:10
1. Beat FEUZ (SUI) - 1:53.77
2. Matthias MAYER (AUT) - +0.16
3. Dominik PARIS (ITA) - +0.56
4. Johan CLAREY (FRA) - +0.89
5. Andreas SANDER (GER) - +0.95
6. Carlo JANKA (SUI) - +1.37
7. Mathieu BAILET (FRA) - +1.50
8. Romed BAUMANN (GER) - +1.51
9. Vincent KRIECHMAYR (AUT) - +1.62
10. Nils ALLEGRE (FRA) - +1.64
LA CLASSIFICA GENERALE MASCHILE | IL CALENDARIO DELLA COPPA DEL MONDO
Non è una gara facile a Kitzbühel. La discesa viene interrotta addirittura quattro volte: le prime due per soccorrere Ryan Cochran-Siegle e Urs Kryenbuehl, protagonisti di cadute rovinose. In bocca al lupo a loro. Gli altri stop arrivano a causa del vento, fino a quello definitivo una volta sceso l'atleta numero 30. Impossibile continuare. Il podio di giornata, tutto sommato, non viene mai messo in bilico dopo la discesa di Paris. Il francese Johan Clarey spaventa Feuz per metà gara, ma dall'Hausbergkante in poi getta via la gara, come successo in passato, ed è quarto. Buona prova anche di Carlo Janka, molto pulito nelle parti tecniche e buon sesto, per la centesima top 10 in Coppa del Mondo. Non incantano grossi calibri come Vincent Kriechmayr, nono, e ancor meno Kjetil Jansrud: il norvegese parte col pettorale uno, è protagonista di una brutta incassata dopo pochi secondi e finisce lontanissimo dai migliori.

Urs Kryenbuehl, brutta caduta a 140 km/h sulla Streif

Fatica anche Christof Innerhofer: l'azzurro, al rientro dopo lo stop causa Covid, scia sulla difensiva e su questa pista non te lo puoi permettere se vuoi segnare un buon tempo. Chiude 22esimo a più di 3 secondi da Feuz, ma potrà essere più performante nel Super G di domenica. Meglio di lui Matteo Marsaglia, ventesimo a 2.63. Paris intanto archivia il podio numero 38 in Coppa del Mondo, il primo da Wengen 2020. E resta in corsa per la coppa di disciplina.

Rivivi la discesa di Kitzbühel (Contenuto premium)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Sci alpino

Kitzbühel | Discesa libera uomini

00:00:00

Replica
Kitzbühel
Kriechmayr si sblocca: ecco la sua vittoria in Super G
25/01/2021 A 11:47
Kitzbühel
Kriechmayr re del Super G, Innerhofer ancora quarto
25/01/2021 A 11:06