Daniela Ceccarelli-Isolde Kostner-Karen Putzer, Salt Lake City 2002: da 16 lunghissimi anni l'Italia non andava a medaglia in una gara femminile a un'edizione di Giochi Invernali; ci è riuscita questo giovedì 15 febbraio Federica Brignone, splendida medaglia di bronzo in una tiratissima gara di slalom gigante femminile a soli 7 centesimi dall'argento della sorprendente norvegese Mowinckel.
Oro, manco a dirlo, per una celestiale Mikaela Shiffrin, mentre non c'è stato nulla da fare per la nostra Manuela Moelgg, al comando dopo la prima manche ma ottava al termine della gara. Quinto posto per una Marta Bassino sempre più matura e sicura dei propri mezzi.
PyeongChang
E se la soluzione fosse Alberto Tomba? Roda e la Fisi sognano di portarlo in nazionale
26/02/2018 A 10:45
Permane qualche rimpianto per quello che avrebbe potuto essere e non è stato per il team azzurro (dopo una prima manche che ha visto Moelgg prima, Brignone terza, Bassino quinta e Goggia nona) ma la portata del risultato rimane storica e non può essere sottostimata: la valanga rosa è tornata sul podio olimpico dopo pluriennale astinenza.

Federica Brignone - PyeongChang 2018

Credit Foto Getty Images

Dopo il bronzo di Dominik Windisch nella 10 km sprint di biathlon, l'oro di Arianna Fontana nei 500 metri di short track e l'argento di Federico Pellegrino nella sprint a tecnica classica l'Italia porta a casa la quarta medaglia a PyeongChang, in attesa delle prove veloci di sci femminile: la squadra azzurra c'è e promette battaglia.