Mentre è ufficialmente scattato il count-down in vista dell’esordio stagionale nella Coppa del Mondo di sci alpino 2021-2022 che, come sempre, avverrà con il gigante di Soelden sul ghiacciaio del Rettenbach, per Mikaela Shiffrin i pensieri vanno in due direzioni ben distinte. Da un lato la prima gara di una annata nella quale, ovviamente, proverà a rimettere le mani sulla Sfera di Cristallo dopo due anni complicati (soprattutto per quanto accaduto fuori dalle piste), dall’altro lato puntando il mirino soprattutto sui Giochi Olimpici invernali di Pechino 2022.

Shiffrin dominante, lo slalom è suo

La manifestazione sotto i Cinque Cerchi sarà, gioco forza, il momento clou dell’intera stagione e la fuoriclasse statunitense farà di tutto per esserne protagonista. Anzi, la nativa del Colorado ha idee ben chiare su come si svilupperanno le sue Olimpiadi: “Ad oggi spero, anzi sogno, di essere in grado di gareggiare in ogni disciplina – le sue parole riportate da FantaSki.com – Ma, naturalmente, questo significa che dovrò fare una preparazione molto importante e intensa, anche mentalmente. Per questo motivo mi sono concentrata in maniera particolare su questo aspetto e ho pensato: cosa devo fare per raggiungere questo obiettivo? E non parlo solo di sci, tecnica, o preparazione atletica. Ci sono delle cose da fare per sentirsi bene in un posto dove non sono mai stata prima, con problemi legati al jet-lag, e dove voglio essere più veloce possibile”.
Lake Louise
Il bellissimo abbraccio tra Federica Brignone e Sofia Goggia
UN GIORNO FA

Shiffrin oro in combinata! Rivivi la sua gara

Una situazione simile a quanto visto ai tempi di PyeongChang 2018. Anche in quella occasione, infatti, la sciatrice classe 1995 avrebbe voluto gareggiare in tutte le discipline, ma i problemi legati al meteo ed il cambio di programma, avevano convinto la statunitense a rinunciare alle prove veloci. Come farà, quindi, la nativa di Vail a divincolarsi nel fittissimo programma dei Giochi di Pechino 2022? In Cina il calendario femminile comincerà con il gigante del 7 febbraio, seguito dallo slalom del 9, quindi toccherà al Super-G dell’11, prima della discesa del 15 e, infine, la combinata del 17. Dieci giorni e cinque gare. Un vero e proprio tour de force, ma di pari passo un grande sogno per Mikaela Shiffrin che ha, nella sua bacheca, già due ori ed un argento olimpici, conquistati tra Sochi 2014 (successo in slalom) e PyeongChang 2018 (oro in gigante ed argento in combinata).

Sci da ricordare: Shiffrin trionfa in gigante a Courchevel

Beaver Creek, CO
Troppo vento, salta la seconda discesa maschile
IERI A 20:09
Lake Louise
Lara Gut d'orgoglio, seconda nel "suo" Super G
IERI A 19:58