Manfred ha dovuto fare spesso i conti con infortuni pesanti, non ha avuto una carriera facile. Questa vittoria per lui vale ancora di più: l’ha voluta molto, per questo ha superato tutto
Le parole di Alberto Tomba alla Gazzetta dello Sport dopo il trionfo di Manfred Moelgg a Zagabria fotografano alla perfezione il capolavoro agonistico e umano del 34enne azzurro di San Vigilio di Marebbe, sbucato dai pali stretti tra il vento e la neve croata con un guizzo fantastico, che gli ha regalato la terza vittoria in carriera in Coppa del Mondo, 8 anni dopo l’ultimo sigillo personale di Garmisch.
Zagabria
La gioia infinita di Manfred Moelgg: "Vincere questo slalom è stato incredibile"
05/01/2017 A 19:56
Dopo la lesione al tendine d’Achille dell’estate 2014 in pochi avrebbero scommesso su Manfred, allora già 32enne. Sembrava che dopo le sue medaglie mondiali (un argento e due bronzi in slalom tra 2007 e 2013) e quella magnifica stagione 2008 (Coppa del Mondo di specialità in slalom e 4° posto assoluto nella generale) la sorte e la carta d’identità fossero pronte a imporgli l’imbocco verso il viale del tramonto.
Ma non è consigliabile scommettere conto i combattenti. E Manfred Moelgg è uno che non si arrende facilmente.
Così, dopo tanta fatica il riscatto è arrivato in un pomeriggio croato, in uno slalom in cui sarebbero state utili le buone vecchie bandierine per individuare i pali sotto la fitta nevicata della prima manche e vederle sventolare tra i reffoli della seconda, condizioni che hanno complicato i programmi dei favoritissimi.

Manfred Moelgg - Zagabria 2017

Credit Foto LaPresse

Quinto dopo la prima discesa (ma a pochi decimi dalla vetta), Moelgg ha scritto il suo capolavoro nella manche decisiva (e in particolare sull'ultimo muro), vincendo con la grinta e l’esperienza uno slalom in cui la pressione (Feller, Engler) e i calcoli (Hirscher, Kristoffersen) non potevano pagare.
Sette decimi a tutti, come se l’Hirscher o la Shiffrin di giornata fosse lui. Manfred Moelgg, 34 anni e una gara perfetta sintetizzata da Alfredo Tradati, commentatore delle gare maschili su Eurosport.
Che dire di più quando un atleta maturo riesce a mettere in scena l’intero repertorio di 250 gare di Coppa del Mondo?
Nulla da dire, solo orgoglio e complimenti. Ma senza dimenticare che i veri combattenti sono anche insaziabili, e i Mondiali di St. Moritz arrivano giusto tra un mese...
Zagabria
Manfred Moelgg imperatore di Zagabria! Prima vittoria azzurra della stagione
05/01/2017 A 18:33
Zagabria
La gioia infinita di Manfred Moelgg: "Vincere questo slalom è stato incredibile"
05/01/2017 A 19:56