L’Italia dello sci si sblocca e lo fa grazie ad uno straordinario Manfred Moelgg, che vince lo slalom di Zagabria. Fantastica rimonta dell’azzurro, che recupera quattro posizioni nella seconda manche e torna sul gradino più alto del podio dopo quasi otto anni dall’ultima volta (febbraio 2009 a Garmisch).
Un vero e proprio capolavoro quello del finanziere di San Vigilio di Marebbe, che ha interpretato come nessun altro il difficile tracciato della seconda manche, sia sul ripido sia nelle ultime porte finali. Una gioia veramente immensa per il 34enne azzurro, che non ha mai mollato anche dopo il grave infortunio al tendined’Achille e che in questa stagione aveva dimostrato in slalom di essere ancora tra i migliori della specialità con il terzo posto a Levi e il quarto a Madonna di Campiglio.
Alle spalle di Manfred si classifica un ritrovato Felix Neureuther, secondo e staccato di 72 centesimi dall’azzurro. Primo podio stagionale per il tedesco, che era reduce da due uscite consecutive e si rilancia su una pista che lo aveva già visto per due volte secondo in passato. Al terzo posto il leader della classifica di specialità Henrik Kristoffersen, a 77 centesimi da Moelgg, complice anche qualche errore di troppo nella parte centrale.
Zagabria
Manfred Moelgg il perfetto combattente riscoperto a 34 anni
06/01/2017 A 18:39

Manfred Moelgg quinto dopo la 1° manche dello slalom di Zagabria

Non ha retto la pressione l’austriaco Manuel Feller, al comando dopo la prima manche, ma uscito dopo appena tre porte all’inizio della seconda. Caduto anche l’americano Mark Engel, capace di chiudere al terzo posto nella prima manche con il pettorale numero 42. Non si è confermato neppure Julien Lizeroux (era secondo), che alla fine ha chiuso solamente nono a 1.88 dal vincitore.
Completano le prime cinque posizioni lo svizzero Daniel Yule (+0.99) e l’austriaco Michael Matt (+1.31). Solamente sesto Marcel Hirscher ad 1.43, autore di una seconda manche davvero ricca di errori fin dalle prime porte. L’austriaco resta comunque ampiamente in testa alla classifica generale, anche in virtù della caduta di Alexis Pinturault.
Decimo posto per Stefano Gross (+2.06), bravo a recuperare ben quattordici posizioni nella seconda manche. Diciassettesimo Riccardo Tonetti (+2.69); mentre è caduto uno sfortunatissimo Giuliano Razzoli, che nel momento della sua discesa è stato ampiamente condizionato dal forte vento e da una visibilità scarsissima.
andrea.ziglio@oasport.it
Zagabria
La gioia infinita di Manfred Moelgg: "Vincere questo slalom è stato incredibile"
05/01/2017 A 19:56
Zagabria
La 2^ manche di Felix Neureuther, secondo a Zagabria
05/01/2017 A 18:25