Un trionfo di testa e di cuore. Federico Pellegrino, racconta così alla Fisi un’impresa storica per lo sci nordico italiano che mai aveva vinto prima di oggi una medaglia d’oro iridata nella sprint a tecnica libera.
Sono veramente contento, ho usato la testa per tutta la gara. Tantissimo merito va ai tecnici dei materiali perché avevo degli sci fantastici. Non mi restava che aspettare il momento e attaccare e così ho fatto. E' stato fantastico fare questa gara in notturna e fra i miei tifosi. Oggi la giornata è stata un po' lunga. Mi sono svegliato presto, poi ho dormito un'oretta, quindi una buona pasta italiana e poi qui a vincere".
Un successo che ripaga i sacrifici iniziati lo scorso mese d’aprile…
Sci Nordico
Benvenuto tra i miti, Pellegrino! Otto anni dopo l'Italia torna sul trono della sprint mondiale
23/02/2017 A 17:42
E' stato bellissimo, tutti sono felici e sono sensazioni che mi porterò dentro per tutta la vita. E' una giornata in cui sapevo che il grosso del lavoro era stato fatto. Mi alleno da aprile per questa giornata. Anche il quarto posto della scorsa domenica ha fatto la sua parte. sapevo che i materiali sarebbero stati importanti. Oggi, ogni pezzo della squadra ha dato il massimo e quando il massimo vuol dire campioni del mondo è il massimo. Sapevo che questa era la mia chance, è stata una giornata tosta. Ero contento quando ho saputo che si correva in notturna perché l'attenzione è tutta sugli atleti. C'era questo vento che poteva essere fastidioso, ma le gambe giravano e non mi restava che aspettare gli ultimi 100 metri per attaccare. Negli anni ho fatto tanta esperienza. Io studio molto, dai miei errori e dagli altri. Oggi l'esperienza ha fatto la sua parte. L'unico mio obiettivo era dare il meglio di me stesso e penso che tutti abbiano fatto lo stesso".
Sci Nordico
Le gare della Val di Fiemme di salto e combinata spostate su Normal Hill
02/01/2020 A 17:16
Sci Nordico
Mondiali Sci Nordico 2019: il programma delle gare, tutte in diretta su Eurosport
20/02/2019 A 07:16