La Gangneung Ice Arena domani sarà sotto i riflettori per le speranze azzurre di andare a medaglia nello short track. La portabandiera Arianna Fontana e Martina Valcepina saranno i due assi nel mazzo del Bel Paese per aspirare alla top3 nei 500 metri a partire dai quarti di finale previsti alle ore 19.00 locali (le 11.00 italiane).

Inutile negarlo, ci sono grandi aspettative per entrambe le atlete. La campionessa valtellinese, reduce dal trionfo continentale nell’allround di Dresda (Germania), sembra essere arrivata in grande forma all’appuntamento a Cinque Cerchi. Le prestazioni esibite in batteria (nei 500 metri) e soprattutto, in semifinale con la staffetta sono state decisamente confortanti: leggendaria la rimonta nell’ultima tornata sull’olandese Schulting, beffata con un colpo da maestro degno di una fuoriclasse, valsa la qualificazione all’atto olimpico conclusivo programmato il 20 febbraio (ore 13.29 italiane). Giochi particolari per l’azzurra con quell’oro mancante che vuol essere inserito in bacheca.

Non c’è solo la Fontana, come dicevamo. Se Arianna è la nostra “Freccia bionda”, la Valcepina è la “Mamma volante”. Ebbene sì, lei, dopo aver dato alla luce le sue splendide gemelline Rebecca e Martina, nel settembre del 2014, ed essere stata tra le protagoniste del bronzo nella prova a squadre a Sochi 2014, doveva decidere se continuare con l’attività agonistica o dedicarsi solo al “ruolo” di genitore. La 25enne di Sondalo ha fatto la sua scelta ed eccola qui, dopo un’annata fantastica suggellata dai podi in Coppa del Mondo a Dordrecht (Olanda) e Seoul (Corea del Sud) e dagli ori nei 500 e 1500 metri nella rassegna continentale (argento nell’overall alle spalle della Fontana), pronta a centrare un obiettivo importante. Ne ha facoltà Martina, lo ha dimostrato e quindi sognare non costa nulla…

Le rivali però non saranno poche. In primis, a partire dalle heat in cui saranno impegnate, le azzurre dovranno guardarsi da tante pretendenti al podio. Fontana la ritroveremo insieme all’olandese Van Kerkhof e soprattutto alla canadese St Gelais, pattinatrice estremamente veloce e da tenere d’occhio in chiave medaglia mentre Valcepina dovrà fare i conti con la cinese Chunyu Qu e soprattutto con la padrone di casa Minjeong Choi, detentrice del nuovo primato olimpico stabilito nelle qualificazioni della prima giornata. Essere tra le prime due, dunque, non sarà facile. E poi, altra osservata speciale non può che essere la britannica Elise Christie, impressionante anche lei in batteria ed intenzionata a riscattare la squalifica di 4 anni fa in finale, quella dell’argento della Fontana a Sochi, facendo valere le sue eccezionali doti come il titolo mondiale ottenuto a Rotterdam nell’overall dimostra. Ne vedremo delle belle.

giandomenico.tiseo@oasport.it