Buon sangue non mente, è il caso di dirlo. Pietro Sighel, figlio di Roberto (campione dello speed skating azzurro negli anni Novanta, ricordando le cinque medaglie mondiali, di cui un oro a Calgary nel 1992), si è portato a casa una medaglia prestigiosa negli Europei 2021 di short track sul ghiaccio di Danzica (Polonia).
Il giovane atleta del Bel Paese, infatti, ha ottenuto una grandiosa medaglia d’argento in una prova di pura velocità, quella dei 500 metri. Per lui il crono di 40″896, precedendo il russo Konstantin Ivliev (40″779) e battendo il forte olandese Itzhak de Laat (41″056). Un esito ufficiale, col brivido, visto che la condotta di Sighel è stata sotto osservazione, specie nel momento in cui è riuscito a sopravanzare l’alfiere dei Paesi Bassi. Fortunatamente, tutto è stato confermato e il podio continentale per lui è stato messo in cassaforte. Davvero un bel segnale nel “mondo dei grandi” per l’italiano, dopo che nel 2019 aveva ottenuto dei podi importanti nel corso dei Mondiali junior a Montreal (Canada).
Short Track
Fontana, longevità d'oro: a Pechino può stupire ancora
08/03/2021 A 20:49

Short track e non solo: momento complicato per gli sport del ghiaccio

Short Track
Italia è poker di bronzi! Anche la staffetta maschile a medaglia
07/03/2021 A 17:33
Short Track
Italia, staffetta femminile di bronzo ai Mondiali
07/03/2021 A 17:11