"Questo film è la mia lettera d’amore per le coraggiose donne di quel Paese. I maestri di Skateistan insegnano alle ragazze ad alzare la mano per dire “Sono qui, ho qualcosa da dire. Salirò su quella rampa e non provate a fermarmi!”
Con questo accorato discorso un’emozionatissima Carol Disynger accettò dal palco del Dolby Theatre di Los Angeles il premio Oscar per il miglior cortometraggio documentario nel 2020. Learning to Skateboard in a Warzone (If You’re a Girl) racconta in presa diretta Skateistan, organizzazione internazionale senza scopo di lucro finalizzata ad insegnare ai bambini ad andare in skate ma anche a impartire loro lezioni scolastiche a 360 gradi. Fondata a Kabul, in Afghanistan, nel 2007 per iniziativa dello skater australiano giramondo Oliver Percovich, l’organizzazione si è quindi diffusa in Cambogia e in Sudafrica grazie al capillare sostegno internazionale. Complice l'escalation della minaccia talebana il futuro dell'ONG - così come quello dell'intero Paese - è più che mai incerto.
Calcio
Nadia Nadim, la "10" che non ha scordato il suo Afghanistan
18/08/2021 A 15:02
Se la maggioranza degli studenti di Skateistan vive al di sotto della soglia di povertà, oltre il 40% di loro sono ragazze. Una di loro è Hanifa: vendeva tè per le strade di Kabul ed era stata vittima di abusi prima di essere accolta sotto l'ala protettrice di Skateistan; ora insegna a sua volta l’arte dello skateboard ad altri studenti. Ancor prima del ritorno dei talebani alle ragazze come Hanifa non era permesso praticare sport in pubblico; con un’unica eccezione, lo skate. Trattandosi di uno sport ancora di nicchia – solo quest’anno ha fatto il suo esordio ai Giochi Olimpici – in Afghanistan è considerato difatti alla stregua di un gioco e come tale tollerato. Se davvero i talebani imponessero la chiusura di Skateistan tutto ciò sarebbe oltremodo deleterio per i giovani afgani.
https://i.eurosport.com/2021/08/19/3203550.jpg
"Mai avrei pensato che in Afghanistan potesse svilupparsi una cultura dello Skate così strutturata. Più di ogni altro sport lo skateboard sta migliorando la condizione della donna in Afghanistan, le sta conferendo potere."
Parole e musica di Tony Hawk, lo skater più influente di ogni epoca. Filantropo e ambasciatore di Skateistan, è stato tra i primi incoraggiare l'espansione di una “scena” Skateboard nei Paesi più problematici al mondo, intuendone le potenzialità. Tra aule scolastiche e skate park i bambini sfogano la loro fantasia misurandosi con le proprie abilità. Skateistan gli regala, forse per la prima volta in assoluto, un prisma di infinite possibilità a stagliarsi contro i loro orizzonti.

Sky Brown vola in cielo: la prima run del baby prodigio

Paralimpiadi
Nilofar Bayat, l'atleta paralimpica che odia i talebani
17/08/2021 A 15:53
Tokyo 2020
Brown ed Hiraki: perchè a 13 anni sono sul podio di Tokyo
04/08/2021 A 07:54