PRIMA SESSIONE

La giornata è iniziata subito bene con un match intenso ed appassionante, seppur non sempre di altissimo livello spettacolare. Jack Lisowski era atteso ad una prova di maturità nella sessione conclusiva dell’incontro che lo vedeva opposto a uno dei qualificati più pericolosi, il due volte finalista del Crucible Ali Carter, e la prova è stata superata, perché nel finale del match il mancino di Cheltenham ha dimostrato di poter colmare quella che fin qui è stata la sua maggiore lacuna, cioè la capacità di giocare con lucidità e freddezza negli incontri più lunghi ed importanti. Il match è girato nel quindicesimo frame quando Carter, avanti 8-6 e con l’inerzia dalla sua, ha sbagliato di un niente una rossa al centro a quota 52, con conseguente serie da 77 di Lisowski per lo steal. E anche se in seguito Carter ha vinto un combattutissimo diciassettesimo frame durato quasi 34 minuti per arrivare a uno dal match, Lisowski non si è disunito ed ha portato l’incontro al decisivo, dove è entrato in serie con una favolosa imbucata dalla distanza, il colpo migliore visto fin qui nel Mondiale. Da lì ha realizzato una serie da 60 e poi ha amministrato con lucidità le fasi finali per aggiudicarsi il match 10-9 e garantirsi un posto agli ottavi, dove sfiderà Neil Robertson in un match che promette spettacolo. Sull’altro tavolo è iniziato il match tra Mark Allen e il ventitreenne cinese Lyu Haotian, con il nordirlandese che ha piazzato subito una magnifica serie da 139 e poi si è portato rapidamente sul 4-0, realizzando poi altri due centoni per un 7-2 che ipotecava il passaggio del turno.

SECONDA SESSIONE

UK Championship
O'Sullivan si auto-accusa di un fallo: la telecamera non si era accorta
8 ORE FA
Nel pomeriggio si è sviluppata la seconda sessione di quello che finora è stato il match più bello del Mondiale, la sfida tra Ding Junhui e Stuart Bingham. I due se le sono date di santa ragione, snookeristicamente parlando, realizzando serie di qualità a ripetizione con un gioco di alto livello anche dal punto di vista tattico. In apertura di sessione Ding ha preso un vantaggio di 2 sul 7-5 ma poi Bingham ha vinto tre frame di fila e da lì i due sono andati a braccetto fino al 9-9, quando il match è stato interrotto per permettere l’applicazione dei protocolli Covid in vista della sessione serale. La cosa ha creato qualche polemica perché mancava un solo frame ma lo spettacolo del decider è stato rimandato solo di un paio d’ore, andando ad arricchire il menù della sessione serale. Intanto sull’altro tavolo era iniziato il Mondiale di Judd Trump, numero 1 del mondo e favorito d’obbligo per il titolo. Il suo avversario, il connazionale Liam Highfield, non ha neanche giocato male ma Trump, dopo aver iniziato con un centone, è stato travolgente andando a chiudere la sessione sul 7-2 in vista della conclusione di mercoledì pomeriggio.

Bingham avanza: battuto Ding nella sfida infinita

SESSIONE SERALE

La serata è iniziata con la conclusione di Allen-Lyu che si è risolta in una formalità per il nordirlandese, visto che il giovane cinese sembrava già rassegnato. E infatti Allen, che pure non ha brillato come al mattino, ha vinto tutti e tre i frame disputati aggiudicandosi quindi il match per 10-2 ed assicurandosi un posto agli ottavi contro il vincente di Selby-Maflin. Poco dopo è iniziato il frame decisivo tra Ding e Bingham e la parola d’ordine è stata una sola: drama. Dopo una lunga battaglia tattica di ottima qualità, Ding ha commesso un fallo che ha permesso a Bingham di entrare in gioco con palla in mano avendo una facile rossa nell’angolo della gialla. Ma incredibilmente l’inglese ha sbagliato l’imbucata permettendo all’avversario di entrare in serie, chiusa però a quota 45 quando pur non avendo trovato posizione favorevole su una rossa ha voluto comunque tentare una difficile imbucata che non è andata a segno. Per Bingham era l’occasione per riscattarsi e il campione del mondo del 2015 ha risposto presente all’appello, piazzando una grandiosa serie da 70 sotto pressione che gli ha dato la vittoria del match e l’approdo agli ottavi, dove giocherà da favorito contro l’altro qualificato Jamie Jones. Intanto sull’altro tavolo era in corso la sessione iniziale di uno dei tanti derby inglesi della parte bassa del tabellone, la sfida tra Barry Hawkins e Matt Selt. Quest’ultimo ha avuto occasioni in tutti i frame della prima parte di sessione ma Hawkins ha vinto i primi due in steal e poi anche il terzo con una serie da 91. Selt è riuscito ad aggiudicarsi il frame prima della pausa ma al rientro Hawkins si è portato sul 5-1, approfittando di un grave errore di Selt sulla nera finale del sesto frame che poteva vincere in steal dopo una gran bella serie. Sul 5-2 Hawkins ha realizzato una splendida ripulitura totale da 137 ma Selt è riuscito ad aggiudicarsi il nono frame salvando almeno parzialmente la sessione, chiusa sul 6-3 in favore di Hawkins.

Hawkins vs Selt 6-3: le ultime battute della sfida

QUINTA GIORNATA

Nella mattinata di mercoledì iniziano due match, la sfida tra l’ex campione del mondo Shaun Murphy e l’esperto Mark Davis e quella tra il tre volte campione del mondo Mark Williams e Sam Craigie, talentuoso giocatore inglese che esordisce al Crucible. Nel pomeriggio si conclude il match tra Trump e Highfield, che sembra già segnato, e inizia l’ultimo match di primo turno, l’interessantissima sfida tra il tre volte campione del mondo Mark Selby e l’anglo-norvegese Kurt Maflin, uno dei protagonisti inattesi dell’ultimo Mondiale. In serata conclusione di Williams-Craigie e di Hawkins-Selt.

SU EUROSPORT

In TV soliti appuntamenti alle 11, alle 15,30 e alle 20 con collegamenti su Eurosport 2 fino alle 17 e poi passaggio su Eurosport 1. I match televisivi saranno rispettivamente Murphy-Davis, Trump-Highfield e Williams-Craigie ma come sempre ci sarà la possibilità di seguire le fasi salienti anche degli altri match, comunque visibili (con commento in inglese) sull’app di Eurosport.
UK Championship
Kyren Wilson si aggiudica il match contro Wu
UN GIORNO FA
UK Championship
Wu rompe un bicchiere: gioco fermo per pulire
UN GIORNO FA