A due settimane dalla conclusione del Northern Ireland Open, vinto dal padrone di casa Mark Allen, la Home Nations Series si sposta in Inghilterra per l’English Open. Per la seconda volta consecutiva il torneo si disputerà alla Marshall Arena di Milton Keynes, che nella stagione scorsa ospitò quasi tutti gli eventi del World Snooker Tour per via delle limitazioni legate alla pandemia. Il campione in carica è Judd Trump, che nella finale del 2020 batté Neil Robertson al frame decisivo. Entrambi saranno in gara anche quest’anno in un campo di partecipanti di primissimo livello dal quale, tra i big, mancherà solo Mark Williams, che ha dato forfait perché nei giorni scorsi è risultato positivo al Covid-19.

IL TORNEO

Questa è la sesta edizione dell’English Open, che nel 2016 fu il primo evento nella storia della Home Nations Series. In quel caso a vincere fu il cinese Liang Wenbo, al primo e fin qui unico successo in carriera in tornei full ranking. Ma da lì in poi ad aggiudicarsi questo titolo sono stati solo campioni, per la precisione campioni del mondo. Nel 2017 vinse infatti Ronnie O’Sullivan, seguito l’anno successivo da Stuart Bingham, nel 2019 da Mark Selby e, appunto, lo scorso anno da Judd Trump. Ciò a conferma che anche in questi tornei, considerati da molti punti di vista minori, a prevalere sono quasi sempre i grandi favoriti.
Snooker
London Masters: la Top 5 dei fluke
17/01/2022 A 08:06

Higgins sbaglia, Allen no: il momento che decide la finale

IL FORMAT

A differenza di quanto successo a Belfast, alla Marshall Arena saranno in opera quattro tavoli quindi si torna al calendario classico dei tornei Home Nations, con gioco che si sviluppa da lunedì a domenica. Resta però la novità introdotta quest’anno, cioè il fatto che si sia già disputato il primo turno del tabellone a 128 ad eccezione dei match che riguardano i primi 16 giocatori del ranking, che quindi saranno impegnati lunedì nel primo di 7 possibili match del torneo. Nella serata di lunedì inizieranno anche gli incontri del secondo turno, che continuerà per tutta la giornata di martedì e si concluderà nel pomeriggio di mercoledì. Tra mercoledì sera e giovedì pomeriggio si disputeranno i sedicesimi di finale mentre giovedì sera andranno in scena gli ottavi. Fin qui tutti i match saranno al meglio dei 7 frame, mentre come ormai tradizione il format si allunga a partire dai quarti di finale, che si disputeranno nella giornata di venerdì al meglio dei 9 frame. Sabato ci saranno le due semifinali al meglio degli 11 frame e domenica la finale, giocata su due sessioni al meglio delle 17 partite.

Allen ne infila 133 a casa sua: pubblico di Belfast in estasi

I PROTAGONISTI

Iniziamo dicendo che nel turno preliminare di fine settembre a Barnsley non ci sono state particolari sorprese quindi anche i giocatori appena fuori dai top 16 saranno quasi tutti presenti, con l’eccezione del numero 17 del ranking Zhou Yuelong che non poté giocare perché identificato come contatto stretto di un caso positivo di Covid-19. Detto dell’assenza sempre per Coronavirus di Williams, i big ci sono proprio tutti quindi come al solito è impossibile identificare un vero favorito. I Big 4 dello snooker meritano però una citazione d’obbligo, perché tutti gli occhi saranno ovviamente puntati su Judd Trump, Mark Selby, Ronnie O’Sullivan e Neil Robertson, elencati in rigoroso ordine di classifica mondiale. Attenzione anche all’uomo del momento Mark Allen, reduce dalla vittoria a Belfast dove ha espresso un gioco magnifico aggiudicandosi un titolo che per lui ha avuto un grande significato, sia perché ottenuto in casa ma soprattutto perché il nordirlandese era in un periodo difficile dal punto di vista personale. Inoltre c’è grande curiosità per il numero 1 cinese Ding Junhui, il quale proprio in questo torneo inizia ufficialmente la stagione dopo essere rimasto in Patria nei mesi scorsi.

LUNEDÌ

I match d’esordio nel torneo dei principali favoriti saranno quindi tutti nella giornata di lunedì. E sarà proprio Ding ad inaugurare il tavolo numero 1 giocando alle 11 contro Andrew Pagett in un match visibile in streaming. Nel pomeriggio il programma televisivo vedrà i primi due giocatori del ranking, con Trump impegnato con Matthew Selt e a seguire Selby che se la vedrà con Sanderson Lam. In serata spazio a O’Sullivan che giocherà contro David Lilley e programma TV che si concluderà con l’interessantissima sfida tra Allen e Luca Brecel. Sul tavolo numero 2, visibile in streaming, giocheranno Stephen Maguire e Mark King in mattinata, poi nel pomeriggio ci saranno due interessanti sfide tra uomini e donne. Barry Hawkins affronterà infatti la dodici volte campionessa del mondo al femminile Reanne Evans e a seguire Stuart Bingham sfiderà la giocatrice hongkonghese Ng On-yee, che si è aggiudicata gli unici tre titoli mondiali femminili non vinti da Evans negli ultimi 15 anni. La serata del tavolo numero 2 prevede la sfida tra John Higgins e Zhao Jianbo e a seguire quella tra Neil Robertson e Andy Hicks.

SU EUROSPORT

Il torneo si svilupperà da lunedì 1 a domenica 7 novembre. Da lunedì a mercoledì è prevista una sessione mattutina alle 11 italiane che sarà visibile solo su discovery+ (senza commento in italiano). A partire da lunedì pomeriggio appuntamenti quotidiani anche sui canali TV di Eurosport alle 13,45 e alle 19,45.

Super-giro di Thepchaiya Un-Nooh: chiude a 147 contro Fan Zhengyi

Snooker
Robertson trova una bella imbucata al centro
17/01/2022 A 07:51
Snooker
Robertson campione del Masters, il frame che gli regala il titolo
16/01/2022 A 23:03