Le due semifinali del German Masters hanno avuto storie completamente diverse. Nel pomeriggio sfida epica tra Trump e Hawkins, con il numero uno del mondo che si è trovato sotto 1-5 e quando ormai per lui sembrava finita ha messo in piedi una rimonta che rimarrà nella storia dello snooker. Ben più facile il compito per Lisowski, che in serata si è sbarazzato facilmente di un Ford troppo falloso.

Lisowski rsiponde a Ford: 4-1

CHE RIMONTA DI TRUMP!

Snooker
Selby nella leggenda con il quarto titolo mondiale
04/05/2021 A 06:18
Il match del pomeriggio è iniziato nel segno di Barry Hawkins. Il numero 18 del mondo, tornato a una semifinale dopo due anni, ha aperto le danze con un centone nel primo frame, dimostrando di non avere intenzione di fare da sparring partner al numero 1 della classifica Judd Trump. Hawkins è andato avanti anche nel secondo frame, vinto però da Trump con una rimonta iniziata grazie a un fluke su una rossa giocata in difesa ed invece imbucata. Ma Hawkins non si è scomposto vincendo un lungo e combattuto terzo frame, durato più di 41 minuti. Il Falco (questo il soprannome di Hawkins) ha poi vinto anche il frame successivo per portarsi alla pausa avanti 3-1, meritatamente e anzi con qualche rimpianto per come si era concluso il secondo. Al rientro dall’intervallo Trump è andato avanti con una serie da 46 ma un suo errore ha messo in moto Hawkins, che ha rimontato il frame a più riprese chiudendo con una superba imbucata dalla distanza della blu per portarsi sul 4-1. A quel punto Trump ha dimostrato di essere in difficoltà come raramente lo si è visto negli ultimi tempi, non solo per gli errori al tavolo ma soprattutto per il linguaggio del corpo. E a complicare la sua situazione è arrivata una favolosa ripulitura totale da 140 di Hawkins, la serie migliore della fase televisiva del torneo. Ma in quel momento, sull’orlo del baratro con l’avversario a uno dal match e cinque frame da vincere per arrivare in finale, Trump ha dimostrato perché è il numero 1 indiscusso della specialità. Fino a quel momento la sua serie migliore era da 46 ma nel settimo frame ha tirato fuori dal nulla una serie da 131, nobilitata da uno dei colpi più belli che si siano mai visti. A frame già vinto, Trump era completamente fuori posizione sulla verde della serie finale, con la bianca a sponda nella parte bassa del tavolo. E il mancino di Bristol non solo ha imbucato la verde dalla lunghissima distanza con una potenza inaudita ma è riuscito a trovare un piazzamento miracoloso sulla marrone, fermando la bianca in maniera al limite del sovrannaturale. Come abbia fatto, lo sa solo lui. Ma la magia non è finita lì e Trump ha infilato altri due centoni, un secondo 131 e un 100, per un totale di 4 centoni consecutivi da parte dei due giocatori. Sotto 4-5 il campione in carica ha vinto il decimo frame grazie a una serie da 67 per portare il match al decisivo, vinto dopo una grande battaglia durata 45 minuti. Una vittoria epica di Trump, di quelle da ricordare anche per chi come lui è molto abituato a vincere. Hawkins ha giocato un grande match, confermando di essersi ritrovato dopo un brutto periodo, ma quando il numero 1 del mondo gioca così c’è poco da fare. Per mettere in prospettiva la costanza di rendimento di Trump, la finale di questo German Masters sarà la sesta nei nove tornei giocati fin qui in stagione, numeri che nello snooker non si vedevano da quando Stephen Hendry dominava negli anni ’90.

Trump fa i miracoli: il colpo che lascia tutti a bocca aperta

LISOWSKI FACILE SU FORD

Ben diversa la seconda semifinale, vinta facilmente da Jack Lisowski su Tom Ford per 6-2. I precedenti scontri diretti erano tutti a favore del più esperto Ford, ma Lisowski ha confermato di aver trovato solidità e continuità guadagnando la seconda finale consecutiva nei tornei giocati. Il match è subito andato nella sua direzione per i numerosi errori di Ford nei primi tre frame, vinti da Lisowski grazie anche a due serie da 68. Ford ha poi avuto una bella reazione nel quarto, vinto con l’unico centone del match per andare alla pausa in svantaggio con il minimo scarto. Nel quinto frame c’è stato il primo momento chiave del match, con Ford che è andato avanti di 60 ma ha forzato un’imbucata in angolo della blu senza preoccuparsi di un’eventuale difesa. Dal suo errore ha preso in mano il gioco Lisowski, che è andato a chiudere 62-60 in steal sulla nera per portarsi sul 4-1. Ford ha poi vinto il successivo con una serie da 65 e ha preso in mano il gioco nel settimo frame, ma ancora una sua forzatura a quota 45 ha messo in moto Lisowski che si è portato a uno dalla finale con una serie da 81. A quel punto il match era nelle mani del mancino di Cheltenham, che ha chiuso con una serie da 87 per garantirsi un posto in finale. Per Ford questa semifinale resta un buonissimo risultato, ma il giocatore di Leicester ha confermato di sentire ancora troppo la pressione nei match più importanti.

Ford torna a sbagliare e Lisowski lo punisce: finale vicina

LA FINALE

Come già al World Grand Prix di fine dicembre, anche in questo German Masters la finale sarà quindi tra Judd Trump e Jack Lisowski. Considerando che il Masters di Londra non è torneo valido per il ranking (e comunque entrambi non vi hanno preso parte per positività al Coronavirus), per trovare due finali consecutive di tornei full ranking giocate dagli stessi due giocatori bisogna risalire addirittura al 1995, quando Steve Davis e John Higgins si affrontarono prima al Welsh Open e poi all’International Open. Curiosamente, anche in quel caso c’era il Masters di mezzo (e Higgins arrivò in finale anche lì, perdendo da O’Sullivan) e in quelle due finali il bilancio fu 1-1. Un buon presagio per Lisowski, che al World Grand Prix è uscito battuto 10-7 pagando una brutta prima sessione finita 6-2 per Trump. Nel complesso sono 13 i precedenti scontri diretti tra i due, con Trump che ha vinto gli ultimi tre per portarsi avanti 8-5 in un bilancio che fino al 2018 era di parità. Anche in questa finale il numero 1 del mondo sarà logicamente favorito contro il suo grande amico-rivale ma il Lisowski visto in questi giorni potrebbe tenere testa a Trump, sempre che quest’ultimo non si metta a fare miracoli come in semifinale. Il match sarà al meglio dei 17 frame, con 8 da giocare nel pomeriggio e un massimo di 9 nella sessione serale. Appuntamenti alle 15 e alle 20 sui canali TV e sull’app di Eurosport.

Lisowski batte Ford e raggiunge Trump in finale: l'ultima serie

Mondiali
Mark Selby alza la coppa di campione del mondo di snooker
03/05/2021 A 21:39
Mondiali
Selby campione del mondo per la quarta volta
03/05/2021 A 21:37