Inutile nascondersi, le possibilità di medaglia per lo snowboard cross azzurro sono elevate. Abbiamo uno “squadrone” con due punte top class, sintomo di un movimento in gran salute: lo certificano i numeri e non è mera questione di dribblare la scaramanzia del caso. Poi a Pyeongchang le medaglie bisognerà sudarsele, certo, ma questo è un rilevamento pleonastico.

Michela Moioli: la metamorfosi

PyeongChang
Ester Ledecka, la protagonista anti-sistema delle Olimpiadi
24/02/2018 A 15:52

“Ora sono le avversarie a doversi preoccupare di lei”, esclamava il nostro Riccardo Roversi in telecronaca dopo la strepitosa vittoria della 22enne di Alzano Lombardo a Cervinia. Michela in finale contro tre francesi: no problem, l’ha spuntata l’azzurra con una “fuga per la vittoria”, parafrasando sempre Roversi. La metamorfosi della Moioli è da ricercare nel cambio di preparazione atletica, ovvero da quando è passato sotto l’egida di Matteo Artina, prepatore anche di Sofia Goggia (con la quale si allena spesso e volentieri). Ora non la sposta più nessuno e grazie a una forza nelle gambe strabordante può resistere agli scontri ed effettuare “ollate” a effetto buone per aggirare le strutture presenti sul tracciato.

Omar Visintin: l’infortunio balordo

Prima di quella forte contusione muscolare che l’ha relegato ai box Omar Visintin stava trionfando in tutte le gare cui prendeva parte in Coppa del Mondo poi, complice l’infortunio e il forfait nelle ultime tappe, ha lasciato il proscenio al campionissimo Pierre Vaultier (oro a Sochi 2014, nonché campione mondiale in carica). Già, l’incognita principale è proprio legata alla contusione muscolare, in caso contrario per quanto visto in Cdm probabilmente il nostro Omar avrebbe meritato i gradi di favorito. Del resto la preparazione estiva era stat pressoché perfetto e ad inizio stagione non ce n'era per nessuno.

Le gare olimpiche di Moioli-Visintin

DATAORARIOGARA
OMAR VISINTINGiovedì 1503:00Snowboard Cross
MICHELA MOIOLI Venerdì 1602:00Snowboard Cross

Il calendario olimpico dello snowboard alle Olimpiadi

Avversari e prospettive

Eva Samkova da una parte, Pierre Vaultier dall'altra: gli "spauracchi" degli azzurri nella corsa all'oro (outisder permettendo) sudcoreano sono proprio loro, ma Moioli e Visintin hanno tutte le carte in regole per competere quanto meno alla pari con i due snowboarder di classe e fame mondiali. Dopotutto le nostre due punte di diamante dello snowboard cross sono agonisti puri, abituati a esaltarsi quando la posta in palio sale vertiginosamente. Insomma, "grandi speranze" per lo snowboard cross azzurro a Pyeongchang 2018 e oltre ai due alfieri è giusto ricordare anche i componenti di una squadra più che mai agguerrita: Emanuel Perathoner, Michele Godino, Raffaella Brutto e Francesca Gallina tra gli altri.

PyeongChang
Ledecka doppio oro in Snowbord e Sci Alpino: è leggenda
24/02/2018 A 08:08
PyeongChang
Ledecká leggenda polivalente: chi era riuscito in passato a vincere in sport diversi?
24/02/2018 A 06:56