Era il ritorno in campo di Jannik Sinner dopo più di un mese dall'eliminazione da Wimbledon e dalle polemiche post forfait olimpico. I problemi non sembrano essere assolutamente risolti: l'italiano, testa di serie numero 2, è uscito subito sconfitto agli ottavi di finale dell'ATP 250 di Atlanta. Sul cemento americano la sorpresa australiana Christopher O'Connell, riesce ad imporsi per 7-6 (7) 6-4 in poco più di un'ora e mezza.
Sin dal primo set si sono intraviste le tante difficoltà dell'altoatesino. Non è stato costretto ad annullare palle break, pur andando un paio di volte ai vantaggi nei propri game al servizio. Il parziale dunque si è andato a decidere al tie-break. L'azzurro è riuscito ad agguantare con una gran risposta di dritto due set point sul 6-4, salvo poi concedere il minibreak successivamente. Sul terzo set point a disposizione passante eccezionale di O'Connell che poi è riuscito ad agguantare la frazione sul 9-7.
Nel secondo set arriva il break istantaneo da parte dell'australiano: Sinner inizia a sbagliare da sopra 30-0 e perde il game iniziale al servizio. Da lì in poi, in risposta, l'altoatesino non riesce praticamente mai a creare patemi al rivale, se non nel decimo game: O'Connell guadagna i primi due set point, l'altoatesino li annulla, ma sul terzo (arrivato dopo un dritto di attacco a campo libero sbagliato da Sinner) cede l'incontro. Le statistiche parlano chiaro: 9 ace a 5 per O'Connell, che non ha concesso alcuna palla break al tennista tricolore. Per l'azzurro due doppi falli, pochi vincenti ma soprattutto tantissimi errori gratuiti rispetto al solito.
Tokyo 2020
Tartarini (coach Musetti): "Forfait Sinner? Scelta sbagliatissima"
17/07/2021 A 10:40

Djokovic: "Draper? Non lo conosco, ho chiesto a Sinner"

Tokyo 2020
Malagò sul no di Sinner: "Non sono piaciute le modalità"
05/07/2021 A 17:30
Tennis
Bordata di Barazzutti a Sinner: "Non crede in certi valori"
03/07/2021 A 20:10