Jannik Sinner ha esordito in maniera vincente al torneo ATP 500 di Dubai, riuscendo a sconfiggere lo spagnolo Alejandro Davidovich Fokina al termine di un incontro particolarmente complesso. L’altoatesino non ha brillato nel primo set e nella seconda frazione si è trovato sotto di un break, ma ha reagito e ha impattato trascinando il parziale al tie-break: sotto per 6-3 ha avuto la personalità per annullare tre match-point consecutivi. Nel terzo set ha sfoggiato un livello di gioco superiore ed è così riuscire ad avere la meglio sull’iberico col punteggio di 4-6, 7-6(6), 6-3.
Nella conferenza stampa post partita, Jannik Sinner è tornato sulla rottura del rapporto con l’allenatore Riccardo Piattisostituito con Simone Vagnozzi: “Se ho cambiato perché Vagnozzi è più giovane di Piatti? No, non è questo il motivo. Come ho sempre detto, ho passato sette anni meravigliosi con Riccardo Piatti e il suo team. Ma non ci sono ragioni precise. È ancora presto per parlare del mio lavoro con Simone, ma stiamo lavorando molto duramente anche su nuovi aspetti.Ma ovviamente c’è bisogno di tempo: ognuno di noi ne ha bisogno per conoscersi meglio“.
ATP, Dubai
Sinner-Murray, in palio i quarti: quando e dove vederla
22/02/2022 ALLE 18:20

"Murray combattente, sarà un match duro"

Jannik Sinner si è lanciato anche verso la sfida di domani contro Andy Murray: “Ho perso l’ultima sfida, a Stoccolma: sarà una partita molto difficile. Tutti sappiamo che grande campione è, è un combattente: sarà dura. Il mio futuro?La strada è ancora lunga. Conosco il mio potenziale e so che posso giocare un buon tennis se mi sento bene. Ma so anche che devo migliorare ancora in molte cose”.

Wilander incorona Sinner: "Sono un suo fan. Vincerà più di uno Slam"

ATP, Dubai
Sinner salva tre match point: la gara con Davidovich Fokina in 4'
22/02/2022 ALLE 16:41
ATP, Parigi
Sinner dà forfait per la Davis? "È stata una stagione lunga e difficile"
31/10/2022 ALLE 21:40