Fabio Fognini ha la capacità di far sembrare semplici le cose difficilissime. E viceversa. Non deve sorprendere dunque la fatica al primo turno del Masters 1000 di Madrid contro il n°141 del mondo Carlos Taberner. Un pomeriggio più complicato del previsto per Fognini, che in una modalità parecchio fallosa si è auto-trascinato in una battaglia in cui il caldissimo tennista spagnolo si è chiaramente trovato a proprio agio. Taberner, che prima dell’inizio di questo torneo aveva battuto solo 2 volte in carriera un Top100 – Verdasco a Cordoba lo scorso anno e Joao Sousa ad Antalya lo scorso gennaio – si presentava forte dei due scalpi prestigiosi nelle qualificazioni: Thompson e Musetti. E così, sul campo Sanchez, contro Fognini, ha provato a proseguire la striscia facendosi anche infiammare dall’aiuto del pubblico.
Fognini, tecnicamente in grado di giocare ad altre velocità e altre qualità rispetto all’avversario, è però incappato in una partita troppo discontinua. E così, per vincere, ha avuto bisogno di una battaglia di 3 set e più di 2 ore di partita.
Ha fatto tutto Fabio, nel bene e nel male. L’enormità di gratuiti hanno consentito a Taberner di rimanere dentro la partita in un primo set che le indicazioni tecniche le aveva già mostrate chiaramente. Fognini non ha concretizzato 3 situazioni di vantaggio: l’immediato 2-0; il successivo 4-2 e il 5-4 su cui era andato a servire nel primo set. E’ dovuto arrivare al tie-break, l’azzurro, per chiudere 7 punti a 4. E per sua fortuna, lì dentro, Taberner non ha mostrato le cose migliori della sua partita.
Coppa Davis Doppio
Fognini: “Nazionale? Il ricambio generazionale è in corso”
10 ORE FA
All’andamento altalenante di Fognini da aggiungere anche un problema alla schiena che proprio al termine del primo parziale ha richiesto l’intervento del fisioterapista. Trattato, Fognini, al rientro, è andato subito sotto. Un break immediato per lo spagnolo e il bis nel settimo game. Morale un rapido 6-2 che non faceva presagire grandi cose per Fognini.
Per fortuna il ligure si è dato una scossa già ad inizio terzo set. Anche in questo caso, a far tutto, sempre Fognini. Il break in avvio per il 2-0 e il terrificante successivo turno di servizio perso ‘a zero’. Poi, finalmente, l’allungo buono: quello del 3-1 consolidato nel successivo turno di servizio per il 4-1.
Dopo 2 ore e un quarto Fognini è così riuscito a chiudere per 7-6 2-6 6-3 regalandosi dunque l’accesso al secondo turno contro Matteo Berrettini. Derby italiano in programma proprio domani, sempre sul campo Sanchez, come quarto match di giornata. Vedremo se l’extra stimolo derivante dall’affrontare un connazionale fornirà alla partita un Fognini più solido e costante. C’è un precedente tra i due: nel lontano 2017 agli Internazionali d’Italia. Vinse Fognini 6-1 6-3.

Berrettini, Sinner, Fognini, Errani & C: il meglio degli italiani

ATP, Parigi
Fognini sfuma la chance: il 'rientro' di Djokovic sarà con Fucsovics
01/11/2021 A 13:27
ATP, Indian Wells
Fognini domina un set, Tsitsipas rimonta: il greco agli ottavi
13/10/2021 A 05:20