Finisce con una torta di compleanno, gli applausi del pubblico e di Nadal e una lezione di tennis "gratuita" regalatagli dal suo idolo. Carlos Alcaraz non festeggia granché i suoi 18 anni. Nel confronto generazionale di Madrid, match più atteso del giorno non solo dagli spagnoli, il verdetto è 6-1 6-2 in un'ora e 17 minuti. Un risultato fedele rispetto a quanto visto sul campo con Alcaraz che cerca di non finire nella morsa da fondocampo e di essere aggressivo. Il risultato? Inizialmente un presunto strappo addominale accusato dopo pochi game, poi 28 errori non forzati a 8 contro il mancino di Manacor. Decisamente troppi per opporsi al re della terra battuta, uno che con i connazionali non ama fare sconti: 19 vittorie nelle ultime 19 partite contro spagnoli sono lì a dimostrarlo.
I 17 anni di differenza si vedono tutti in termini di esperienza e abitudine a giocare a certi livelli: il classe 2003 raccimola un game sul 5-0 e si toglie lo sfizio di strappare la battuta a Nadal nel secondo set. Per il resto è un allenamento agonistico quello di Rafa, atleta da 453 successi sulla terra, 1016 nel circuito ATP. Nei primi turni sul rosso il vincitore di 20 Slam ha vinto 104 volte su 105. In definitiva, sotto gli occhi di Raul, Alcaraz si consola con la torta di Feliciano Lopez e il suo best ranking: sarà almeno numero 114 del mondo lunedì prossimo. Nadal, invece, sfiderà Popyrin e non Jannik Sinner agli ottavi.
ATP, Madrid
Sinner: "Nadal? Il tabellone lo guardo ma ci do poca importanza"
04/05/2021 A 13:05
Non era il giorno per fargli un regalo di compleanno (sorride). Sono molto felice di essere tornato qui, di giocare a Madrid davanti a questo incredibile pubblico. Auguro il meglio a Carlos. E' un ragazzo eccezionale, è già un grande giocatore. Sarà fantastico

Nadal: "Ho passato momenti difficili, ma amo questo sport"

ATP, Madrid
Il sogno di Carlos Alcaraz: 18 anni mercoledì, sfiderà Nadal
03/05/2021 A 16:59
Tokyo 2020
Fognini: "Berrettini? Non commento per non essere polemico"
IERI A 19:49