Con la sicurezza di un veterano, Jannik Sinner spazza via Guido Pella o ciò che resta di Guido Pella. Non è senza dubbio la miglior versione in carriera dell'argentino, ma quella di Madrid è anche un'ottima versione del ragazzo di Sexten. Reduce dalla semifinale di Barcellona, l'azzurro supera il primo ostacolo del 1000 di Madrid in scioltezza dimostrando di aver lavorato sul fondamentale che l'aveva penalizzato non poco nel 500 catalano: il servizio. Complici anche le condizioni della capitale spagnola - si gioca in altura e di conseguenza la palla viaggia di più - il numero 18 del mondo non concede quasi niente alla battuta (un break figlio di un leggero rilassamento è l'unico neo).
Non si può, però, tacere di fronte alle condizioni fisiche precarie di un giocatore che ha vinto appena due partite nel 2021, compresa l'ATP Cup. Guido Pella ci ha messo tantissimo a recuperare dal Covid, con allenamenti in cui doveva fermarsi dopo pochi minuti a corto di fiato. Anche i muscoli ne hanno risentito e non sono ancora in grado di reggere i ritmi del tennis: è il secondo ritiro consecutivo dopo quello di Monaco di Baviera, sempre per via di un problema all'inguine. Come se non bastasse, l'argentino è costretto ad arrendersi nel suo momento migliore.
Jannik Sinner, infatti, accelera dal 2-2 in avanti e abbina al servizio una profondità considerevole anche in risposta. L'azzurro prevale ogni volta che lo scambio si allunga e annichilisce il suo avversario a cavallo tra primo e secondo set: 13 punti di fila, 12 a 0 nel secondo parziale e sette game consecutivi sono i numeri del dominio. Dal 3-0 Pella trova orgoglio e voglia di lottare annullando una palla del 5-1 e trovando addirittura il contro-break del 4-3 sulla prima chance concessagli dall'altoatesino.
ATP, Madrid
Sinner: “Racchetta rotta? Più arrabbiato che per la sconfitta"
02/05/2021 A 10:25
Sul 4-4 15-0, l'argentino vede interrompersi il momento favorevole nel modo più crudele e alza bandiera bianca. In un'ora e quattro minuti Jannik Sinner archivia così la pratica e attende Struff o Popyrin al secondo turno, dove dovrà trovare altre risposte dopo le confortanti indicazioni odierne.

Sinner: "Elogi Djokovic? Lo ringrazio ma devo imparare tanto"

Tennis
Berrettini: “Sinner è una macchina, mi ricorda Djokovic"
01/05/2021 A 15:28
ATP, Barcellona
Sinner: "Domani mi alleno, lavorerò sul servizio"
24/04/2021 A 16:37