Cresce ancora e si stabilizza a quota otto il cospicuo contingente italiano nel main draw del Masters 1000 di Miami. Il merito è di Paolo Lorenzi e Thomas Fabbiano, che superano lo scoglio dell'ultimo turno di qualificazione e raggiungono in tabellone Fabio Fognini, Jannik Sinner, Lorenzo Sonego, Lorenzo Musetti, Stefano Travaglia e Salvatore Caruso. Mai così tanti gli azzurri in un torneo di questo livello al di fuori del Foro Italico e della terra rossa.
Lorenzi torna a giocare un 1000 per la prima volta da Madrid 2018 e lo fa sbarazzandosi dell'atleta di Taiwan Jason Jung, numero 149 del ranking, battuto con un doppio 6-4. Al veterano azzurro basta un break per set per strappare il pass e togliersi un'altra soddisfazione a 39 anni suonati. Più combattuto il match di Fabbiano, che la spunta in rimonta sullo statunitense Jenson Brooksby (n.231) per 5-7 6-2 7-5 dopo oltre due ore e mezza. Giocherà il suo terzo Miami Open in carriera. Nulla da fare per gli altri due azzurri ancora in corsa, Matteo Viola e Federico Gaio, sconfitti rispettivamente da Mischa Zverev e Liam Broady.
ATP, Miami
Tutto il meglio di Sinner nella cavalcata di Miami: che colpi!
06/04/2021 A 07:49

Il meglio di Roger Federer in 10 colpi incredibili

ATP, Miami
Sinner: "La Next Gen non è ancora pronta per battere i Big 3"
05/04/2021 A 12:31
ATP, Miami
Sinner: "La sconfitta con Hurkacz mi aiuterà tanto in futuro"
05/04/2021 A 12:08