Nick Kyrgios sembrava aver imboccato la retta via nelle ultime settimane: più razionale, meno impulsivo e capace di gestire gli attacchi di rabbia. Sino ad oggi…Negli ottavi di finale del Masters1000 di Miami l’australiano ha letteralmente perso la testa nel match degli ottavi di finale perso contro Jannik Sinner per 7-6, 6-3. Una sequela ininterrotta di invettive contro l’arbitro brasiliano Carlos Bernardes, costretto ad infliggere all’australiano un punto ed addirittura un game di penalità.

Insulti e racchette spaccate, lo sfogo di ‘Mad Nick’

Ma andiamo con ordine. Kyrgios ha cominciato ad impazzire sul 4-4 e 40-15 in favore di Sinner, con l’azzurro al servizio. In quel frangente uno scambio è stato interrotto a causa di una interferenza radio: in pratica si è sentita la voce di un arbitro da un altro campo. Secondo il 26enne, l’imprevisto sarebbe stato provocato da Bernardes. Lo sfogo con cui si è scagliato contro il giudice di sedia ha lasciato attoniti: “Com’è possibile? Non sai fare il tuo lavoro, è imbarazzante una cosa del genere agli ottavi di un torneo così importante. Chiamate una nuova squadra di arbitri perchè questi non sanno fare la loro m***a”.
ATP, Miami
Sinner: "Con Kyrgios mentalmente è stata dura, serviva alzare il livello"
29/03/2022 ALLE 20:51

Nick Kyrgios se la prende con Carlos Bernardes

Credit Foto From Official Website

Successivamente, sul 5-3 per Sinner nel tie-break, l’arbitro ha inflitto un punto di penalità a Kyrgios, consentendo all’azzurro si salire sul 6-3: apriti cielo…”Basta, smettila di parlare. Parli di me. Gioca e basta”, le parole del giudice di sedia. L’australiano ha poi commesso un letale doppio fallo, dopodiché si è fiondato con rabbia verso il malcapitato Bernardes: “Non ti ho detto niente, stavo parlando con il mio amico. Cos’ho fatto di male, cosa ho fatto di anti-sportivo?“. “Stai parlando di me“, la risposta del giudice di sedia. Kyrgios è poi andato a sedersi esclamando “portate qualcun altro!“, riferendosi alla necessità di cambiare l’arbitro, prima di spaccare con violenza la racchetta dopo averla sbattuta a terra ripetutamente.
Una bruttissima scena, che inevitabilmente ha portato ad una ulteriore sanzione, questa volta addirittura un game di penalità, che di fatto ha consentito a Sinner di iniziare il secondo set con un break di vantaggio, poi rivelatosi decisivo. In tutto questo teatrino colpisce una volta in più la maturità e la freddezza mostrata da Sinner che non si è fatto minimamente influenzare dal bizzoso comportamento del rivale mantenendo sempre la barra dritta. L’ennesimo indizio di un tennista con una volontà e una mentalità di ferro.

Da Kyrgios a Sinner e Berrettini: i momenti top del torneo

ATP, Miami
Kyrgios "sbrocca", un buon Sinner ringrazia e va ai quarti
29/03/2022 ALLE 19:06
ATP, Sofia
Fuori anche Sinner: Jannik perde con Rune e si infortuna alla caviglia
IERI ALLE 15:19