13 febbraio 2021. Era stato quello il giorno dell’ultima partita in singolare di Matteo Berrettini. Una vittoria, al terzo turno dell’Australian Open, prima del forfait contro Stefanos Tsistipas. Decisiva una lesione muscolare agli addominali di un centimetro e mezzo che di fatto l’ha tenuto fuori fino a oggi, giorno del “vero” rientro nel circuito. Perché sì, c’era stato il doppio settimana scorsa giocato a Cagliari col fratello Jacopo, ma al primo match pesante, Berrettini si è subito dovuto arrendere.
E’ successo sul centrale di Monte Carlo, dove il romano è stato eliminato dallo spagnolo Alejandro Davidovich-Fokina. Un ko in due set quello di Berrettini, con Davidovich bravo a imporsi per 7-5 6-3.
Non sarebbe stata una partita facile per Berrettini e questo alla viglia erano in tanti a pronosticarlo. Vuoi per le discrete capacità dell’avversario, ormai prossimo all’ingresso tra i primi 50 del mondo e reduce dalla bella vittoria al 1° turno su de Minaur, vuoi perché per Matteo c’erano tante incognite dal punto di vista fisico. Problemucci che si sono rivelati subito evidenti. Un po’ di ruggine negli spostamenti, meno incisività del solito al servizio. Davidovich si è così subito attestato al livello giusto, percependo di poter fare partita. Lo spagnolo ha preso un break di vantaggio in avvio, salvo vedersi riagganciato da Berrettini sul 4-4. La prima vera spallata del match è però arrivata nel dodicesimo game, quando Davidovich è stato in grado di rientrare da 40-15 sotto e di potar via a Berrettini il set.
Wimbledon
Berrettini: "Per me questo è un inizio, Nole è stato più bravo"
11/07/2021 A 17:16
Da lì si è fatta ancora più complicata per il romano, che a quel punto si è trovato davanti una mezza montagna da scalare, viste le condizioni tutto sommato precarie dal punto di vista della tenuta complessiva della partita. Il break a metà secondo parziale ha così fatto il resto: 7-5 6-3 a favore di Davidovich-Fokina e Italia che perde sì il suo rappresentante con la migliore classifica, ma al tempo stesso anche quello da cui ci si doveva aspettare di meno. Berrettini dovrà infatti ritrovare condizione e ritmo partita. Peccato, perché il suo 2021 in Australia, prima del guaio fisico, era partito con ben altre premesse e prospettive.

Berrettini: "Ho avuto una contrattura, ho sentito molto male"

Wimbledon
Djokovic: "Berrettini? Un martello. Grande Slam? Ci provo"
11/07/2021 A 17:14
Wimbledon
Berrettini si arrende al più forte: trionfa Djokovic, è il 20° slam
11/07/2021 A 12:42