È un vero peccato non aver potuto assistere a una partita che dalle premesse si preannunciava incerta e di alto livello. Alejandro Davidovich Fokina si arrende a un problema fisico e vede così sfumare, nel modo peggiore possibile, i suoi primi quarti di finale in carriera in un Masters 1000. La disperazione dello spagnolo di genitori russi è comprensibile anche per quanto mostrato nei primi sei game del match. Il classe 1999 è a tratti dominante negli scambi lunghi da fondocampo e alterna colpi pesanti a palle corte prelibate. Stefanos Tsitsipas si trova in difficoltà quando, all'improvviso, sul 3-3, il figlio dell'ex pugile Edvard Davidovich fa una smorfia di dolore.

Le lacrime di Alejandro Davidovich Fokina - Masters 1000 Monte Carlo 2021

Credit Foto Getty Images

Sembra fin da subito qualcosa di importante e l'intervento del fisioterapista è immediato. Pomata e antidolorifico consentono al giocatore ammirato anche alle Next Gen Finals di Milano nel 2019 di provare a giocare: il numero 5 del mondo, al rientro in campo, si distrae e subisce il break, ma lo recupera subito perché di fronte ha un avversario fermo che si limita a chiudere lo scambio entro il secondo colpo. Emblematico l'ultimo quindici con Davidovich Fokina che serve dal basso per poi stringere la mano a Tsitsipas. Non è la prima volta che lo spagnolo, a dispetto della giovane età, accusa guai fisici. Il greco accede, invece, a una semifinale che in un 1000 gli mancava da Roma 2019.
ATP, Monte Carlo
Dalla cocaina all’impresa contro Djokovic: chi è Daniel Evans
15/04/2021 A 17:28
S. Tsitsipas b. A. Davidovich Fokina 7-5 rit.
Non c'è niente di più difficile che confermarsi dopo un'impresa. Daniel Evans, dopo aver eliminato Novak Djokovic, si ripete al cospetto di David Goffin. L'inizio del britannico è promettente con un break tenuto fino al 5-4 e servizio. Il belga, però, alza la qualità del suo gioco, dal 3-5 infila quattro game consecutivi e ribalta la sfida in virtù di 16 vincenti a 5, prova del fatto che è Goffin a fare la partita mentre il giustiziere di Djokovic cerca di mischiare le carte e di irretirlo. La ragnatela funziona a inizio secondo parziale con il break del 2-1 e una palla, non sfruttata, del 4-1: il numero 15 del mondo nel sesto game fallisce due chance del contro-break ed Evans tiene fino al 6-3 che rimanda il verdetto al terzo. Il giocatore di Birmingham vuole confermare di aver messo la testa a posto dopo trascorsi difficili, risale dallo 0-40 nel terzo gioco e mastica amaro su un 4-2 acquisito che gli viene precluso solo dall'assenza del falco e da una svista arbitrale. Infatti, la seconda di servizio di Goffin non viene chiamata fuori - al contrario di ciò che svelano le immagini - ma nemmeno questo lo ferma. Evans nel nono game sopravvive a quattro palle-break e in due ore e 41 minuti conquista la semifinale, la prima per lui nei 1000, per 5-7 6-3 6-4 con tanto di best ranking (25). Incredibile che ci sia riuscito sul rosso: prima di questo torneo aveva vinto 4 partite a fronte di 13 sconfitte sulla terra nel circuito ATP. In una settimana ne ha già portate a casa altrettante per una semifinale attesa dalle sue parti dai tempi di Andy Murray (Parigi-Bercy 2016).
D. Evans b. D. Goffin 5-7 6-3 6-4

Evans, niente parolacce! "Code violation" per l'inglese

ATP, Monte Carlo
Clamoroso a Monte Carlo! Djokovic ko in due set con Evans
15/04/2021 A 13:24
ATP, Roma
Nadal, Djokovic e la differenza con la Next Gen
10 ORE FA