Domenica il Foro Italico sarà il palcoscenico della 57ª sfida tra Novak Djokovic e Rafael Nadal. Il serbo accede alla sua 11ª finale degli Internazionali d'Italia battendo 6-3 6-7 6-2 un commovente Lorenzo Sonego, reduce dalla maratona con Rublev di questa mattina, capace di portare la contesa al terzo set e in partita contro il n° 1 del mondo fino all'ultimo quindici dopo tre ore massacranti. Il torinese chiude la settimana al 13° gradino della Race, entrando nella top30 del ranking Atp (da lunedì sarà n°28), e lascia Roma con una marea di applausi del suo pubblico (e dello stesso Djokovic) in valigia. Da lunedì ripartirà dall'ATP di Lione con la consapevolezza che se la potrà giocare con chiunque.

La cronaca della semifinale

Match spettacolare e a tre facce su un Centrale emozionante e emozionato per l'occasione dopo aver accompagnato il suo ragazzo in semifinale nelle battaglie con Thiem e Rublev. La prima racconta di un n° 1 del mondo forte, sicuro di sè, con percentuali altissime al servizio e per nulla stanco dopo la rimonta su Tsitsipas in mattinata contro un giovane talentuoso che lo rispetta, ma che cede il servizio nel quarto game e, di conseguenza, il set (6-3). Il secondo parziale è la fotografia del tennis di Lorenzo Sonego: un cuore immenso e un commovente rifiuto della sconfitta. Si procede on serve fino al 5-4 (game su game nei quali l'azzurro salva 6 palle break): l'allievo di Gipo Arbino alza il ritmo caricandosi a ogni quindici, si guadagna e spreca due set point. Si va al tiebreak dopo un break e controbreak al cardiopalma. Tiebreak che vede il torinese andare sotto 2-4, ma che si conclude 7-5 con Sonego letteralmente in trance agonistica. L'inerzia è nettamente a favore del n° 33, trasportato dai cori del Foro Italico. All'inizio del terzo e decisivo set si colloca un game che ruberà tonnellate di sonno a Lorenzo nelle prossime notti: il serbo va sotto 0-40, ma il piemontese non riesce a concretizzare le tre, pesantissime, palle break guadagnate. Ci pensa il Djoker a mettere la freccia e a chiudere la contesa 6-2 dopo 4 ore e 55 minuti in campo in questo pazzo sabato romano. Nadal, in poltrona dalle 16, è pronto ad approfittarne. L'abbraccio finale tra i due gladiatori vale più di un milione di parole.
Tokyo 2020
Doppio misto: Errani-Fognini e Giorgi-Sonego le coppie azzurre
26/07/2021 A 19:34

Sonego, il 19-17 su Fritz nel tie-break più lungo sulla terra

Tokyo 2020
Dellien chiede la maglia a Djokovic: "Un sogno, scambiamo maglia"
25/07/2021 A 05:05
Tokyo 2020
Djokovic: "Io e Ibra campioni per la mentalità balcanica"
24/07/2021 A 21:29