La settimana del ritorno di Roger Federer al primo posto del ranking mondiale non poteva che concludersi così. Il fuoriclasse svizzero batte Grigor Dimitrov e vince per la terza volta l’ATP 500 di Rotterdam, ma soprattutto si aggiudica il titolo numero 97 in carriera.
Dopo la conquista del ventesimo Slam in Australia, Federer supera l’ultimo scoglio in Olanda senza faticare a causa delle precarie condizioni fisiche del bulgaro. Visibilmente in difficoltà negli appoggi, Dimitrov non può competere da fermo e in 56 minuti viene spazzato via con un doppio 6-2.
ATP, Rotterdam
Roger Federer supera anche se stesso: tornare numero 1 del mondo va oltre un trionfo Slam
17/02/2018 A 12:58
L'obiettivo era arrivare in semifinale, ho fatto ancora meglio: sono molto felice
Il 2018 dello svizzero inizia dunque con due titoli e con una striscia invidiabile di 16 match vinti su 16 inclusa la Hopman Cup. Un percorso netto che gli consente di avere la certezza di mantenere la prima posizione nel ranking mondiale almeno fino alla fine del Masters 1000 di Indian Wells (18 marzo). Nadal non può dunque superarlo ad Acapulco anche se Federer dovesse decidere di rinunciare a Dubai.
Re Roger ha alzato l’asticella e mentre la concorrenza stenta si diverte a fare quello che ama e ad aggiornare i suoi numeri. Il miracolo Federer consiste nel primeggiare con continuità a 36 anni e mezzo. Per questo è di nuovo numero 1 del mondo, per questo è a tre tornei dal raggiungimento di una cifra irreale: 100 titoli ATP.
ATP, Rotterdam
Federer: "Essere numero uno a quasi 37 anni è un sogno che diventa realtà"
16/02/2018 A 21:01
Wimbledon
Un sogno chiamato Grande Slam: Nadal a Wimbledon, impossibile non provarci
19/06/2022 A 08:22