Lorenzo Musetti prosegue la sua cavalcata vincente a Santa Margherita di Pula. L’azzurro, impegnato nel torneo ATP sulla terra battuta sarda, supera in due set per 6-2 6-4 il tedesco Yannick Hanfmann (n.101 ATP) e centra la prima semifinale in carriera di un evento di questa tipologia. Si tratta anche del primo classe 2002 a spingersi così in alto. Un match di grande valore, soprattutto sotto il profilo mentale quello di Musetti: dominante nel primo parziale e strepitoso nella rimonta dallo 0-4 al 6-4 secondo. Una risalita, c’è da dire, agevolata anche dalle non perfette condizioni fisiche del teutonico nella seconda frazione, ma nello stesso tempo non è mai facile giocare contro un tennista in condizioni di forma non perfette. Grazie a questo risultato, Lorenzo si porta al n.123 del ranking (virtuale) e se la vedrà nel penultimo atto contro il serbo Laslo Djere (n.74 del ranking), impostosi per 6-4 6-4 contro il ceco Jiri Vesely (n.67 ATP).

Tennis
Sinner e Musetti guidano i 'teen' del tennis italiano
21 ORE FA

PRIMO SET

Avvio subito convincente quello di Musetti che, eseguendo in maniera magistrale il proprio rovescio, mette in difficoltà il proprio avversario in manovra. Una grande continuità nel suo gioco quella dell’azzurrino che lo porta avanti due break e sul 4-0, annullando una palla break nel quarto game. Il tennista del Bel Paese gestisce sapientemente lo scambio, mentre il tedesco fatica a trovare un pertugio nella difesa dell’italiano. La chiosa sul 6-2, con il 70% di punti conquistati con la prima in battuta e il 55% dei quindici ottenuti contro la seconda del teutonico, giustifica quanto si è visto sul rosso sardo nella prima frazione.

SECONDO SET

Nel secondo parziale Hanfmann alza il proprio livello, mettendo più energia nei colpi da fondo e più prime in campo. Lorenzo è un po’ sorpreso da questo cambio di passo, subendo un 4-0 (due break) da ko. L’azzurrino però ha il merito di rimanere attaccato alla frazione e, anche per un problema alla coscia del suo avversario, si produce in una fantastica rimonta, mettendo in mostra un repertorio di grande variazioni. Cambi di ritmo che fanno danni sul campo del teutonico, costretto a cedere all’italiano straripante e vincente sul 6-4. Il nativo di Carrara conclude con 2 ace, il 67% dei quindici conquistati con la prima di servizio e il 57% dei punti ottenuti contro la prima di Hanfmann. Tutto molto bello.

giandomenico.tiseo@oasport.it

ATP, Pula
Musetti si arrende a Djere e a un problema al gomito
17/10/2020 A 11:29
Internazionali d’Italia
Musetti si ferma agli ottavi: Koepfer affronterà Djokovic
18/09/2020 A 16:48