Sarà Andy Murray a sfidare Matteo Berrettini nella finale del torneo ATP 250 di Stoccarda. Lo scozzese batte con il punteggio di 7-6(5) 6-2 Nick Kyrgios, anche se l’australiano di fatto scompare dal campo dalla fine del tie-break in poi, soprattutto a causa di comportamenti che col tennis hanno, francamente, ben poco a che fare. Eppure il primo parziale è di quelli che lo spettacolo lo regalano. Di Kyrgios, in questa fattispecie, emergono sia il fatto istrionico (compreso un tweener a rete eseguito per eccesso di velocità, che nemmeno gli porta il punto) che quello agonistico. La metà del set è quella più accesa, con palle break annullate su entrambi i fronti (due da Murray, una dall’australiano), e alla fine dei conti è lo scozzese che riesce a trovare lo spunto finale nel tie-break.
A quel punto succede di tutto. Kyrgios si arrabbia contro uno spettatore, contro una racchetta, contro non si sa bene chi o che cosa. Sanzioni corrispondenti: warning, punto di penalità e game di penalità. Arriva il supervisor per calmare l’aussie, che però a quel punto (1-0 diventato 2-0) non c’è più, almeno sul piano mentale, e qualche fischio arriva. Finisce, per la cronaca, 6-2.
ATP, Stoccarda
Berrettini: "Fantastico vincere subito dopo il 1° infortunio serio della carriera"
12/06/2022 ALLE 19:24
Vista la competitività relativa del secondo set, val bene sottolineare le statistiche del primo, in cui paradossalmente il maggior numero di punti l’aveva vinto Kyrgios (42-45), là dove era pure giunto un rendimento identico sulla prima (21/26 per punti vinti), con la seconda leggermente favorevole all’aussie benché con numeri differenti (11/21 contro 9/14).

Il solito Kyrgios: match-point con battuta da sotto le gambe

ATP, Stoccarda
Berrettini trionfa a Stoccarda: rivivi la finale con Murray in 90"
12/06/2022 ALLE 18:44
ATP, Stoccarda
Berrettini è ancora re a Stoccarda: 6° titolo in carriera
12/06/2022 ALLE 13:06