Nello sport, come nella vita, la motivazione fa tutta la differenza del mondo. Da una parte, dunque, la voglia di cancellare 2 sconfitte, prendersi 200 punti ATP, incassare 153mila dollari extra di assegno e dare un senso alla propria presenza alle ATP Finlas. Dall’altra, niente di tutto questo.

E’ finita 6-2 7-5 in poco più di un’oretta la sfida che chiudeva il Gruppo London 2020 tra Andrey Rublev e Dominic Thiem. L’ha vinta il russo, autore di una partita di spessore contro un avversario realmente nel match solo nel secondo set.

Tennis
Volandri: "Jannik Sinner, serve calma. Diamogli tempo"
25/11/2020 A 08:30

Nel primo, infatti, Thiem, non è quasi sceso in campo. Già certo del primo posto nel girone e di dover sfidare sabato uno tra Djokovic o Zverev, l’austriaco è partito con la tattica peggiore possibile contro Rublev: palleggiare dando ritmo ma senza giocare duro. Ecco, nulla di peggio per scaldare un colpitore come il russo, che ha preso a pallate un Thiem con nessuna voglia di fare battaglia.

In 19 minuti si era sul 5-1, in 24 minuti Rublev aveva chiuso 6-2. Un approccio però fin troppo blando per Thiem, che sono a quel punto ha intuito il pericolo di doversi andare ad allenare al termine della partita. O almeno se così avesse continuato. E così l’austriaco ha alzato un po’ l’intensità del suo tennis, trovando dall’altra parte però pane per i suoi denti. Il palleggio pressante di Thiem si sposa comunque bene con la caratteristiche di Rublev, che non a caso contro l’austriaco aveva comunque vinto gli ultimi due precedenti (di cui uno freschissimo ai quarti del torneo di Vienna). Thiem si è così ritrovato sotto di un break, che solo l’unico passaggio a vuoto del russo nell’ottavo game ha consentito all’austriaco di non finire sotto la doccia con ulteriore anticipo. In un finale comunque più ‘vero’ rispetto al primo parziale, Rublev è poi riuscito a strappare il servizio al termine di un game lottato nell’undicesimo gioco. Il resto si è scritto da sé: 6-2 7-5.

Rublev saluta così la sua prima partecipazione alle Finals giustificando la sua presenza con una bella partita e una bella reazione d’orgoglio. Per Thiem resta un pomeriggio scarico, ma comprensibile: dopo la gran vittoria su Nadal di martedì arrivata al termine di una partita di altissimo livello, motivazioni ed energie mentali non erano facili da trovare questa mattina. Sarà meglio per lui, però, ritornare nel mood giusto sabato pomeriggio: contro Djokovic o Zverev, è evidente, servirà la sua stessa versione vista con Rafa.

E’ arrivato il Black Friday su Eurosport! Accedi alla nostra incredibile offerta e goditi tutti gli eventi di tennis nel 2021 scontati del 50% sul prezzo annuale!

Da Dimitrov a Thiem: quando i tennisti si danno al calcio

Tennis
Djokovic e Rublev sono i più vittoriosi nel 2020
24/11/2020 A 14:07
ATP Finals
Medvedev rimonta anche Thiem: è il russo il Maestro 2020
22/11/2020 A 20:56