Alexander Zverev ha parlato in esclusiva ai microfoni di Eurosport alla viglia di quello che è ormai l’inizio della nuova stagione, con i tornei di preparazione australiani prima dell’appuntamento dall’8 febbraio con l’Australian Open. Tanti i punti toccati dal tedesco.

Sugli obiettivi per il 2021

"Gli obiettivi in teoria sono molto semplici: giocherò per provare a vincere tutti gli slam, ma ovviamente bisogna essere realistici. Non sarà facile. Ma l’attenzione principale è ovviamente rivolta ai 4 tornei più importanti, quelli dello slam. Oltre a quelli per me saranno importanti anche le Olimpiadi. Lavoro però facendo un passo per volta, è questa la chiave".
US Open
Il lato umano di Novak Djokovic, ferito ma finalmente amato
13/09/2021 A 14:33

Sulla quarantena in Australia

"Siamo tutti in buona salute. Il periodo di quarantena in realtà non è stato così male come tanti pensavano sarebbe stato. Ci è stato permesso di allenarci praticamente tutti i giorni, ad eccezione di coloro che erano in hard-quarantine. Dobbiamo anche capire dove siamo. Siamo in un paese che non ha più casi Coronavirus e ha fatto un ottimo lavoro. Dobbiamo affrontarlo ora e non arrabbiarci troppo, perché finita la quarantena di fatto potremo tornare a vivere una vita normale".

Sulla lettera di Djokovic

"Quelle erano le richieste degli altri giocatori che sono in quarantena. Eravamo tutti in una chat di gruppo. Novak era lì solo come leader e come giocatore numero uno al mondo e ha inviato la lettera. Non erano sue richieste, ma quelle degli altri giocatori. È stato di nuovo dipinto come il cattivo, il che non è assolutamente vero né tanto meno corretto: si è semplicemente fatto portavoce degli altri".

Novak Djokovic e Alexander Zverev

Credit Foto Getty Images

Sulla separazione dall’allenatore David Ferrer

"Io non volevo assolutamente separarmi da lui. Ci eravamo detti che ci saremmo parlati dopo le ATP Finals di Londra per capire un po’ la situazione a livello globale. Lui poi mi ha chiamato e mi ha spiegato che per lui era una situazione difficile, che avrebbe voluto passare più tempo con sua moglie e suo figlio. Per seguirmi nei tornei ovviamente in questo momento ci sono tutta una serie di precauzioni da seguire, come in questo caso 2 settimane di quarantena. Tempo che l’avrebbe tenuto troppo lontano dalla sua famiglia. Mi è dispiaciuto molto perché davvero non volevo che mi lasciasse, è stato un allenatore magnifico. Escluso mio padre, il miglior allenatore che abbia avuto. Ovviamente ho dovuto accettarlo, ma davvero è stato un peccato perché credo che fossimo un’ottima coppia a livello di personalità e di visione sul tennis e su come allenarsi. Fare l’allenatore ovviamente non è solo lavorare sul campo ma una questione di personalità: bisogna andare d’accordo. E con David io andavo molto d’accordo".

Alexander Zverev e David Ferrer

Credit Foto Getty Images

Sulla finale persa allo US Open

"Ci penso ancora ogni giorno. Sono il primo tennista in 75 anni a perdere una finale del Grande Slam dopo aver condotto 2-0 nei set. Non me lo leverò dalla testa finché non vincerò uno slam”.

Sulle debolezze nel suo gioco

"L’anno scorso alla fine ho avuto buoni risultati, i miei numeri nei torni dello slam sono migliorati. Al di là di questo però devo lavorare sul servizio; e sull’aggressività nei momenti importanti della partita. Su quello posso ancora migliorare”.

Sul diventare padre

"Sarà a marzo, non vedo l’ora. E’ sicuramente uno dei momenti più importanti della vita di una persona. Vediamo come mi cambierà le cose. E’ certamente stata la notizia più bella del mio 2020”.

Sui progetti fuori dal tennis

"Penso che sia arrivato il momento per me di fare qualcosa per aiutare le persone, specialmente in questo momento così complicato. Nel 2021 voglio creare la mia fondazione ed è un progetto a cui sto lavorando con mio fratello Mischa. Ultimamente fuori dal campo c’è stato qualche problema di cui si è parlato tanto. Da questa situazione però sto cercando di prendere il meglio, di imparare comunque qualcosa per diventare una persona migliore: è quello che sto cercando di fare".

Zverev: "Ho 38 di febbre. Non avrei dovuto giocare contro Sinner"

US Open
Daniil Medvedev priva Djokovic del Grande Slam: è lui il campione
12/09/2021 A 22:34
US Open
Djokovic a un passo dalla Storia: perché e dove vedere la finale
12/09/2021 A 10:09