Se la fortuna è cieca, la sfortuna ci vede benissimo. Il Coronavirus ha messo in ginocchio il mondo e il tennis non fa eccezione con cancellazioni e rinvii che purtroppo sono all'ordine del giorno. Quello che mancava, però, è un'ipotesi di cancellazione anche per il 2021. L'allarme arriva direttamente da Craig Tiley, direttore del primo Slam dell'anno, l'unico major fin qui disputato in questo balordo 2020. In un'intervista al quotidiano australiano 'The Age', Tiley spiega:

Oltre a Wimbledon, eravamo probabilmente una delle poche organizzazioni sportive ad avere un’assicurazione contro le pandemie. Ma in luglio scade
Roland Garros
Il Roland Garros 2020 slitta ancora: sarà posticipato di un'altra settimana
24/04/2020 A 05:38

Wimbledon ha versato un importo di 3 milioni di dollari all'anno dallo scoppio della SARS del 2002. Gli organizzatori potranno recuperare oltre 200 milioni di dollari in base alla polizza, ma le perdite che subiranno a causa del mancato svolgimento del torneo - cosa che non accadeva dalla Seconda Guerra Mondiale - supereranno di gran lunga quella cifra. "Abbiamo due tipi di copertura: un fondo di riserva e, inoltre, abbiamo stipulato un’assicurazione - prosegue Tiley - Perché il fondo non può coprire tutto. Ora, però, stiamo discutendo con la stessa società assicurativa su come apparirà il futuro. È interessante perché loro devono decidere se assicurare contro una pandemia. Probabilmente, è un buon momento per farlo, perché il mondo sarà pronto per la prossima, se ci sarà. Finita questa pandemia, l’eventualità che ciò si ripeta – il modo in cui il mondo dovrà mobilitarsi e fermarla di nuovo – sarebbe molto improbabile". Il numero uno dello Slam down under ipotizza quindi quattro scenari:

La ripartenza del circuito proprio da Melbourne? Ci piacerebbe. Un altro scenario è il ritorno senza spettatori, come stanno ora considerando la Lega Football e la Lega Rugby. Un altro ancora è giocare in un diverso periodo dell’anno e il quarto è il peggiore: nessun Australian Open fino al 2022

Top 5 Australian Open: i colpi più belli della finale Kenin-Muguruza fra volée, lob e palle corte

La prossima edizione è in programma dal 18 al 31 gennaio e si tratta dunque dello scenario peggiore ma un uomo d'affari, dato che nel tennis girano molti soldi, non può trascurare nulla: "Dobbiamo prepararci per tutti e quattro gli scenari, costruire un modello finanziario per ognuno. La buona notizia è che si è giocato quest’anno, così abbiamo un po’ di soldi. Però si esauriscono in fretta se non abbiamo entrate".

Top 10 Australian Open: i colpi più belli del torneo maschile, Bolt e Dimitrov da pazzi

US Open
US Open: "A giugno la decisione definitiva. Improbabile a porte chiuse"
17/04/2020 A 16:27
Tennis
Wimbledon 2020 cancellato: uno shock per tutti, per Federer ancora di più
02/04/2020 A 06:24