Mentre l'Italia si sveglia, arrivano buone notizie dall'altra parte del mondo: nel pomeriggio australiano Matteo Berrettini batte in quattro set il qualificato ceco Tomas Machac e accede al terzo turno dell'Happy Slam dove sfiderà il russo Karen Khachanov, già sconfitto nei tre precedenti di Sofia, Stoccarda e Halle. Il miglior modo per riscattare l'inspiegabile blackout di Lorenzo Sonego che nella notte si è fatto rimontare sopra 2-0 da Feliciano Lopez e ha salutato gli Australian Open.

Sonego, ko da incubo con Lopez: rivivi la maratona in 200''

Come nell'esordio con Kevin Anderson, l'allievo di Vincenzo Santopadre macina tennis con autorità e senza concedere praticamente nulla in avvio: il 20enne qualificato per la seconda volta al tabellone di uno Slam perde il primo turno di battuta del match, si vede annullare 5 palle break e cede 6-3 il primo set. Il secondo parziale segue lo stesso copione, con l'azzurro che insiste sul diritto del ceco, il fondamentale in assoluto più debole del repertorio.
ATP, Roma
Berrettini travolge Millman: agli ottavi sfiderà Tsitsipas
4 ORE FA

Berrettini, 3° turno conquistato: la sua vittoria in 200 secondi

Matteo allo scoccare dell'ora di gioco si trova avanti 2-0. Nel terzo set viene fuori l'orgoglio del n° 199 del ranking Atp che dà del filo da torcere al tennista romano, costretto a salvare altre 6 palle break. Alla settima Machac mette la freccia e dimezza il passivo anche grazie al 75% dei punti vinti sulla seconda di servizio. Statistica destinata a crollare nel quarto e ultimo parziale dove Berrettini strappa immediatamente il servizio all'avversario, chiude 6-3 e conquista per la prima volta in carriera i sedicesimi degli Australian Open.

Berrettini: "Io e Khachanov ci sfidiamo da sempre: sarà un bel match"

Berrettini: "Nastro e scuse? Mamma mi ha insegnato l'educazione"

ATP, Roma
Berrettini batte Basilashvili e la stanchezza: prova di forza
IERI A 11:07
ATP, Madrid
Berrettini lotta, ma non basta: a Madrid trionfa Zverev
09/05/2021 A 16:04