Spettacolo doveva essere e così è stato. Thiem-Kyrgios non delude le attese degli appassionati e regala un repertorio completo: l'esaltazione del padrone di casa per due set di furore agonistico e la rimonta del giocatore più abituato a prevalere alla distanza grazie a fisico e forza mentale. Il vincitore degli US Open supera il test, ribaltando due set di svantaggio per la quarta volta in carriera, e conquista gli ottavi di finale dove sfiderà Grigor Dimitrov. Il tutto condito dall'atmosfera elettrizzante della John Cain Arena, proprio nel giorno in cui Melbourne ha deciso di chiudere le porte al pubblico per alcuni nuovi casi di coronavirus.

Kyrgios si esalta! Il punto più bello del 1° set

Kyrgios parte fortissimo e il suo piano tattico è chiaro: non dare ritmo a Thiem, pretendere il massimo dal servizio e creare una bolgia sapendo che la calda gente australiana non si sarebbe mai tirata indietro. Il break arriva subito nel primo parziale, mentre nel secondo scocca al nono game: il beniamino di casa gioca su una nuova, in trance agonistica e chiude il doppio 6-4 con un irriverente ace servito dal basso.
Australian Open
Zverev ingiocabile. Karatsev è la sorpresa del torneo: sfiderà Aliassime
12/02/2021 A 06:22

Kyrgios vince il set con un ace da sotto: il pubblico impazzisce

Thiem, però, ha il merito di restare sempre con la testa nel match prendendo subito il largo nel terzo set. Una pausa fisiologica di Kyrgios era da mettere in preventivo e la testa di serie numero 3 dimezza lo svantaggio: 6-3. Il primo game del quarto parziale è molto importante. L'australiano lo salva dopo due palle-break ma il canovaccio della sfida cambia radicalmente. L'austriaco fa fare il tergicristallo al suo avversario e allunga gli scambi. In definitiva, Kyrgios cade nella rete.

Kyrgios, demi-volée incrociata da sotto le scarpe

Kyrgios, gran recupero e skip per esultare

Thiem mette la freccia sul 5-4 con Kyrgios che cerca di resistere e ottiene ciò che può dal servizio, salvo poi essere tradito da un serve and volley di pura emergenza. La chance del contro-break arriva ma il vincitore di New York porta la partita al quinto, con l'australiano meno esplosivo e più lento rispetto ai primi due set.

Kyrgios vs arbitro: "Se lo fa Azarenka ok, se lo faccio io no?"

Kyrgios, sull'orlo del penalty game, chiede l'ultima spinta al pubblico, litiga con il giudice di sedia su una palla disturbata ma vede spegnersi il suo furore nel settimo game. In risposta Thiem aumenta la pressione e il rovescio lungolinea è una sentenza. Il finale è 4-6 4-6 6-3 6-4 6-4 in tre ore e 21 minuti e l'austriaco dà appuntamento a Grigor Dimitrov agli ottavi. Per Nick Kyrgios sono solo applausi ma la domanda sorge spontanea: se dopo un anno di inattività ha rispolverato un tale livello, cosa sarebbe se si allenasse sempre con serietà? Abbiamo anche la risposta: non sarebbe Nick Kyrgios.

Kyrgios s'illude, Thiem lo riporta sulla terra: il match in 200''

Australian Open
Errani cede sul più bello: passa la Hsieh 7-5 al 3° set
12/02/2021 A 04:32
Australian Open
Williams e Osaka non steccano, ok Sabalenka e Muguruza
12/02/2021 A 04:02