Nella prima semifinale della Coppa Davis 2019 alla Caja Magica di Madrid il Canada batte la Russia per 2-1 e conquista la prima finale della propria storia nella competizione sportiva a squadre più antica del mondo.

Nel primo match, Andrey Rublev impiega quasi un’ora e mezza per piegare la resistenza di Vasek Pospisil, mettendo subito in chiaro l’esito del primo set fin dal game d’apertura, nel quale trova il break a zero. Il canadese cerca di recuperare, ha tre palle del 4-4, ma non le sfrutta, poi è il russo ad avere tre set point senza sfruttarli. Infine, alla sesta occasione, riesce a mettere le mani sul parziale. Andamento diverso nel secondo set, dove ci sono tre break, ma quello più importante lo trova Rublev nel settimo gioco; dopo aver fallito un match point sul 5-3, Rublev non si fa pregare e prevale per 6-4 6-4.

Coppa Davis
La dedica speciale di Rafa Nadal: "Questa vittoria è per Bautista Agut e i suoi cari"
23/11/2019 A 13:58

Battaglia vera, invece, tra Karen Khachanov e Denis Shapovalov. Il canadese porta a casa il primo set dopo esser stato in svantaggio 4-1 e vincendo tutti gli ultimi cinque giochi. Nel secondo parziale è fatale a Shapovalov il decimo game, che gli costa non soltanto un break che avrebbe potuto subire già nel sesto, ma anche l’intero set. La battaglia si sposta nel parziale decisivo, ed è lì che Khachanov perde il servizio in maniera che risulterà fatale nel settimo gioco: Shapovalov deve salvare tre palle break all’atto di servire per il match, prima di potersi dire vincitore per 6-4 4-6 6-4 e far decidere la contesa al doppio.

Tornano in campo gli stessi protagonisti del singolari, Shapovalov e Pospisil da una parte, Khachanov e Rublev dall’altra. Un solo break decide il primo set nel secondo game a favore dei canadesi che quando servono per chiudere annullano l’unica palla break affrontata fino a quel momento. Nel secondo set la Russia va avanti di un break e 4-1, subisce il controbreak a zero nel settimo ma nell’ottavo strappa di nuovo il servizio agli avversari per poi portare il match al parziale decisivo, nel quale non c’è nessun break ma i russi devono salvare due palle break nel secondo game e i nordamericani una nel terzo e una nel settimo.

Khachanov e Rublev conquistano subito un minibreak nel primo punto del tie-break decisivo ma dal 2-4 il Canada mette in fila quattro punti e si procura due match point, il primo lo annullano i russi col servizio ma sul secondo una risposta sbagliata di Rublev fa esultare Shapovalov che dopo poco più di due ore conquistano una storica finale per la foglia d’acero. Per la Russia invece continua il digiuno di vittorie in Davis che dura dal 2006.

federico.rossini@oasport.it

Coppa Davis, Nadal contro la formula: "Non si può giocare all'una di notte"

Tennis
Coprifuoco a Bogotà, niente esibizione tra Roger Federer e Alexander Zverev
23/11/2019 A 11:23
Coppa Davis
Travaglia lascia un game a Yunseong Chung: Italia-Corea del Sud 4-0
07/03/2020 A 12:56