Le Davis Cup Finals 2021 di tennis si concludono per la Gran Bretagna ad Innsbruck ai quarti di finale: la Germania vince per 1-2 grazie al successo in doppio di Kevin Krawietz e Tim Puetz ai danni di Joe Salisbury e Neal Skupski con il punteggio di 7-6 (10) 7-6 (5) in due ore e quattro minuti di gioco. Ecco la cronaca delle partite

Kevin Krawietz/Tim Puetz b. Joe Salisbury e Neal Skupski 7-6 (10) 7-6 (5)

Nel primo set i servizi sono a lungo dominanti, poi nel dodicesimo gioco, con i britannici che cercano il tie break, arriva il set point per i teutonici, prontamente annullato. Si va al tie break, ed i britannici mancano quattro set point, mentre i tedeschi sfruttano la terza occasione (la quarta complessiva) e chiudono per 12-10 in 66 minuti.
Davis Cup
Fognini, stiramento del polpaccio: non ci sarà in Coppa Davis
25/02/2022 A 11:05
Nella seconda partita i servizi sono ancor più incisivi, tanto che soltanto il dodicesimo gioco va ai vantaggi, con i tedeschi avanti 40-0 prima di farsi raggiungere sulla parità. Si va al tie break ed i britannici volano sul 5-0. All’improvviso si spegne la luce ed i teutonici rimontano e poi chiudono sul 7-5 dopo 58 minuti.
Le statistiche indicano come i croati vincano 6 punti in più degli azzurri, 84 contro 78, ma soprattutto come ci sia stata una sola palla break in tutto l’incontro, in favore dei tedeschi (non convertita). A fare la differenza in negativo per la coppia britannica sono gli ultimi sette punti giocati, tutti persi.

Jan-Lennard Struff b. Cameron Norrie 7-6 (6) 3-6 6-2

Pronti-via e Struff dimostra già di poter fare molto male al suo avversario, con un velocissimo parziale di tre game a zero. Dall’altra parte Norrie non ci sta e reagisce aggiudicandosi quattro dei successivi cinque giochi, portandosi in parità sul 4-4. Il set si fa molto interessante: i due tennisti tengono la battuta ed impattano sul 5-5. Il primo parziale sembra poi prendere una piega britannica quando, nell’undicesimo game, Norrie conquista il break del 6-5, ma subito dopo il tedesco risponde presente conquistando un controbreak importantissimo che conduce al tie-break. Qui il numero 12 del mondo si porta sul 6-4 e ha sulla racchetta due chance per portare a casa il set. Sembra la fine per Struff, ma il nativo di Warstein risorge ed infila ben 4 punti di fila che gli consentono di aggiudicarsi il primo parziale.
Obbligato ad inseguire, Norrie prova ad aumentare il ritmo del suo gioco ad inizio secondo set. Il tedesco resiste fino al sesto game, poi il britannico porta a casa il break del 4-2. È il momento che decide il secondo parziale: Struff infatti perde lucidità e si trova costretto ad arrendersi per 6-3. La sfida tra i numeri uno delle due Nazionali si sposta dunque al terzo ed ultimo set. La Germania ha assolutamente bisogno del successo per tenere viva la speranza, mentre la Gran Bretagna vuole chiudere i giochi prima del doppio. I primi cinque game sono di studio e si procede così on serve fino al 3-2 per il tedesco, poi, nel sesto gioco, arriva la svolta: il numero 51 del mondo porta a casa il break del 4-2 e, successivamente, vola a prendersi la vittoria con la conquista di altri due game consecutivi che valgono il 6-2 finale e, soprattutto, l’1-1 della Germania.
A fine partita il conto dei vincenti-errori gratuiti è di 35-26 per il numero 51 del mondo e di 31-10 per Norrie. Meglio Struff con la percentuale di punti ottenuti con la prima di servizio (72%, con 9 ace, contro il 62%, con 5 ace, del britannico), mentre con la seconda ha decisamente percentuali più alte il numero 12 del mondo (71% contro il 45% del tedesco). Da segnalare infine il numero di break conquistati dai due tennisti: quattro per Struff e tre per Norrie.

Daniel Evans b. Peter Gojowczyk 6-2 6-1

Nel primo set l’avvio di Evans è convincente: due break nei primi tre giochi e 4-0 rapido. Con il suo tennis elegante il n.25 del mondo disegna il campo in maniera mirabile, mandando spesso in confusione Gojowczyk e non un è caso che le palle break costruite da quest’ultimo siano zero. Zero come i punti concessi dal top-30 nel suo ultimo turno alla battuta per chiudere sul 6-2.
Nel secondo set il soliloquio del tennista del Regno Unito è ancor più evidente e i break si susseguono in maniera regolare. Solo nel terzo gioco, tra mille difficoltà, il teutonico piazza la sua bandierina. Un game effimero ai fini del risultato, vista la mattanza tennistica suggellata dallo score di 6-1.
Evans ha concluso con 4 ace, 15 vincenti e soli 3 errori non forzati rispetto ai 23 dell’avversario. Una resa in battuta molto buona, come l’81% dei punti vinti con la prima e il 73% con la seconda certificano.

Struff si arrabbia, getta la borraccia e si becca un warning

Davis Cup
Djokovic: "Sono esausto. Aus Open? Prenderò decisione a breve"
04/12/2021 A 09:41
Davis Cup
Djokovic e la Serbia si arrendono, Croazia in finale
03/12/2021 A 22:06