Chi più in alto di Carlos Alcaraz a soli 18 anni? Pochi. Pochissimi. Questa sera, il baby-fenomeno di Murcia è stato consacrato dalla platea di Milano, con un successo nella finale delle Next Gen ATP Finals su Sebastian Korda per 4-3 42 4-2.

Il 2021 galattico di Alcaraz

Next Gen ATP Finals
LIVE! Next Gen Finals: Alcaraz trionfa in 3 set, il titolo è suo!
13/11/2021 A 19:56
Con un’altra prova schiacciante, lo spagnolo è diventato il secondo 18enne a vincere il torneo dopo Jannik Sinner nel 2019. Alcaraz è riuscito a replicare questo successo infilando 5 vittorie in altrettanti match, concedendo un solo set lungo il tragitto.
Si tratta della 32esima vittoria stagionale per Carlitos: nella terza gara contro Cerundolo, era diventato il più giovane giocatore a collezionare 30 vittorie in una sola stagione dopo il suo idolo Rafa Nadal nel 2004; oggi, con il tassello numero 32, pareggia i conti con Andrei Medvedev, che vinse 32 partite a 18 anni nel lontano 1992.
Il trionfo alle Next Gen ATP Finals è il coronamento di una stagione fenomenale: Carlos ha vinto almeno una partita in tutti gli Slam stagionali, diventando il giocatore più giovane a posizionarsi così in alto nel ranking ATP dopo Lleyton Hewitt, numero 31 al mondo nel 1999.
POS. RANKING GUADAGNATE109 (da 141 a 32)
W-L (ATP)27-17
W-L (SLAM)8-4
W-L (VS TOP 10)3-4
TITOLI Umag (250), Next Gen ATP Finals

La finale contro Korda

Lo spagnolo rimane a galla nel 1° set, quando annulla ben 5 palle break all’americano, rincorrendo in tutti i suoi turni a battuta. Particolarmente ballerina la seconda dello spagnolo, che vince solo il 38% dei punti (3/8). Alcaraz respinge più volte l’assedio di Korda innescando la solita prima micidiale, ma l’avversario risponde per le rime a servizio. Particolarmente aggressivo in risposta l’americano, che tuttavia non riesce a sfruttare il primo spiraglio di vulnerabilità offerto dallo spagnolo in questo torneo. Il tiebreak si chiude infatti sul 7-5 in favore dello spagnolo, lucido nell’innescare il sorpasso sul 5-5 con una palla corta perentoria.

Carlos Alcaraz

Credit Foto Getty Images

E’ proprio la spinta del tiebreak ad arroventare i motori dello spagnolo in vista del secondo set: qui, Alcaraz punisce Korda al suo primo passaggio a vuoto; al quinto game infatti, l’americano affretta troppo tre colpi (un dritto e due rovesci), steccando completamente il contropiede. Alcaraz non perdona sulle due palle break, e infila il primo sorpasso alla stretta finale: migliorato visibilmente nella gestione del servizio (dal 67% di punti convertiti con la prima del primo set all’89%), lo spagnolo sigilla il secondo parziale sul 4-2.
La forbice tra i due si divarica ancora di più nel terzo e decisivo set: Alcaraz si riconferma rapace nella conversione delle palle break ( 33% sfruttate nel match, 56% sfruttate nel torneo) al contrario di Korda, che non capitalizza mai sulle 6 chance procurate. Lo strappo decisivo arriva al terzo gioco, quando lo spagnolo fa inciampare l’americano un’altra volta sotto pressione. E’ ciò che basta all’allievo di Ferrero per chiudere il match sul 4-3 4-2 4-2 e consacrarsi dopo una stagione stellare.

La battaglia di Naomi Osaka, la tennista che ha sfidato i tabù

Next Gen ATP Finals
Uragano-Alcaraz spazza via Baez e raggiunge Korda in finale
12/11/2021 A 20:08
Next Gen ATP Finals
Musetti saluta Milano: Korda alieno, si qualifica in 3 set
11/11/2021 A 21:17