I vincitori

Novak Djokovic. E’ nelle difficoltà che si forgia il guerriero e di ostacoli in questo Roland Garros, Djokovic, ne ha avuti tanti. Musetti agli ottavi da due set sotto; Berrettini ai quarti in una serata mai doma; Tsitsipas, in finale, di nuovo da due set sotto; ma soprattutto il padrone di casa, Rafael Nadal. E’ un titolo che sa di passaggio di consegne non tanto per i numeri, quanto per la percezione delle cose: Djokovic ha capito di poter battere chiunque ovunque. A -1 da quei due, l’obiettivo, è davvero a un passo. E la discussione si riapre: è il più forte di sempre? Voto 10 e lode. Al cyborg.
Roland Garros
Berrettini-Djokovic: al Roland Garros andò così, il match in 4'
08/09/2021 A 07:58
Barboba Krejcikova. Due anni fa non aveva classifica in singolare, ma giocava gli ITF più remoti per costruirsene una. Prima della pandemia era fuori dalle 100. Questa mattina è la numero 15 del mondo. Il tutto senza aver mai giocato un minuto in main draw (singolare) a Wimbledon e US Open. E’ stata la favola di questo torneo, ma anche la riprova che al tennis femminile, sulla terra rossa, manca qualcuna ‘che spieghi’. Voto 10. Alla sorpresa.

Krejcikova regina a Parigi: i 5 colpi più belli del suo torneo

I finalisti

Stefanos Tsitsipas. La storia di Stefanos, così come quella di un’intera generazione che nonostante gli sforzi, nonostante i miglioramenti, è lì che aspetta, e aspetta, e aspetta, e aspetta ancora, mi ricorda le note di uno splendido pezzo degli Stereophonics, ormai quasi ventenne. Un sound malinconico ma anche di speranza. Il titolo è anche il suo voto. 9. Maybe Tomorrow.

Mai dubitato di Djokovic vincitore. Tsitsipas? Magari l'anno prossimo

Anastasia Pavlyuchenkova. Una vita per arrivare a un traguardo che da ragazzina, quando dominava in circuito junior, davano per scontato. Perderlo da Barbora Krejcikova, certo, non è un bel segnale, ma che volete dirle di più? Se l’è giocata. Forse non al meglio. Sicuramente avrebbe dovuto richiedere la verifica sul match point. Magari gli orsetti gommosi non sono proprio il top dei valori nutrizionali mentre affronti una finale slam... Ma se avesse fatto tutte le cose per bene, non sarebbe stata Nastia. Voto 8. Alla buonora.

Gli sconfitti

Rafael Nadal. E’ un ko che fa male perché mostra al mondo la fine di un’era. Soderling imbeccò il match della vita in un umido pomeriggio del 2009. Nel 2016 il suo fisico non arrivò al meglio. Quest’anno, dopo 15 anni di dominio assoluto, la sconfitta fa cadere l’aura di imbattibilità nella sua arena. E’ però uscito esattamente come ce lo saremmo aspettato: dando tutto, dopo una battaglia epica. Voto 9. Al re nudo.

Top 5: il colpi più spettacolari di Nadal al Roland Garros 2021

Iga Switaek. Lo vinci, lo vinci, lo vinci, lo vinci, lo vinci... Non deve essere il massimo affrontarlo così, da 19enne, con un tormentone da mandarti fuori di testa come nemmeno un pezzo di Giusy Ferreri in una qualsiasi estate italiana alla radio. Perché sì, la povera Iga, su qualsiasi stazione girasse, si ritrovava sempre quel ritornello lì. E alla fine, distrutta, ha spento l'apparecchio. Comprensibile. Voto 6. Alla pazienza.

La Top 10 del torneo femminile: Serena, Swiatek e...

Le sorprese

Daniil Medvedev. Divertente, come al solito. Nel suo approccio alla vita, al torneo, alle cose. Ha iniziato festeggiando come un trionfo la vittoria su Bublik al primo turno e ha finito con un mezzo dissing agli organizzatori, che hanno scelto Amazon prima del pubblico. Il tutto arrivando ai quarti di finale di una superficie su cui non porterebbe a passeggiare nemmeno il suo cane. Per me, uno così, è sempre promosso. Voto 8. Al personaggio.
Tamara Zidansek. Nel femminile c’era l’imbarazzo della scelta. Ma se proprio dobbiamo andare oltre alla vincitrice, su cui ci siamo già espressi, allora l’occhio va sulla Zidansek. Zinedine, come soprannominata dalla nostra Roberta Vinci, si è spinta fino all’imponderabile prima del torneo: la semifinale. Le vittorie su Andreescu e Badosa le due ciliegine. Voto 9. Al cammino.

Tamara Zidansek al Roland Garros 2021: la slovena si è spinta fino in semifinale

Credit Foto SID

Le delusioni

Andrey Rublev. Struff in giornata spara dai missiloni che sarebbe meglio evitare, ma dopo averla ripresa da 0 a 2 sotto ti aspetti che vada a vincerla. Di solito, quelli forti, fanno così. E Andrey Rublev qui si presentava con tutti i crismi di ‘quello forte’. Si è fatto fregare, invece, sul più bello; tirando giù tutto il possibile, in uno show di irascibilità che fa davvero molto Rublev. Voto 5. Alla giornata.

Struff-Rublev in 200 secondi: rivivi l'impresa del tedesco

Aryna Sabalenka. La finale a Stoccarda e la vittoria a Madrid. Qui, da numero 3 del mondo, era qualcosa in più di una delle potenziali vincitrice. Diciamocela tutta: era una seria pretendente. Invece, ancora una volta, si è arresa, con un impietoso 6-0 al set decisivo, a Pavlyuchenkova. Che per carità, è giocatrice di talento. Però, ecco, insomma... Anche no, se sei la 3 del mondo e nel mentre sono già saltate Barty e Osaka. Voto 4. Godot.

Sabalenka si arrende a Pavlyuchenkova, highlights

I giovani

Lorenzo Musetti. Quella partita lì ci ha proprio gasato. La sfrontatezza, la faccia tosta, l’irriverenza di sfidare Djokovic e di farlo con le sue armi. Per due set ha fermato Parigi e fatto sognare l’Italia. Certo, poi è tornato sulla Terra, ma il tempo è dalla sua. Unica nota: il ritiro, ecco, poteva evitarlo. Voto 7.5. Al carattere.

La Top 10 del torneo maschile: Musetti al numero 1

Cori ‘Coco’ Gauff. Dopo copertine, titoli, pagine, audio e chi più ne ha più ne metta su argomenti vari come età, storia, impegni sociali eccetera, si è finalmente tornato a parlare di tennis. E Coco Gauff mostra progressi. Seri. Un torneo di spessore e un quarto di finale che senza qualche tremolio nel primo set forse sarebbe potuto essere qualcosa in più. La strada comunque è quella giusta. Strict to the point, direbbero dalle sue parti. Voto 7,5. All’obiettivo.

Coco Gauff al Roland Garros 2021: la 17enne americana si è spinta fino ai quarti di finale, miglior risultato in uno slam

Credit Foto Getty Images

Gli italiani

Li avevamo già trattati in un capitolo a parte a loro dedicato: a questa pagina il link.

Vinci 360, Ep.15: il commento al Day 15 del Roland Garros

Roland Garros
Da Tsitsipas a Karatsev: i 5 momenti più divertenti del torneo
15/06/2021 A 10:15
Roland Garros
Da Nadal a Djokovic: la Top 5 delle palle corte a Parigi
14/06/2021 A 20:27