Due set magici, spettacolari, poi la rimonta subita da quel fenomeno di un Novak Djokovic. La prima finale Slam di Stefanos Tsitsipas è stata un ottovolante, conclusasi con una sconfitta in cinque set dopo oltre quattro ore di gioco, ma con la sensazione che il tempo degli onori sullo Chatrier arriveranno anche per lui. Una sfida - la più importante dell'ancor giovane carriera del 22enne greco - che lui ha giocato con enorme tristezza nel cuore per la scomparsa della nonna (madre del papà e allenatore Apostolos), notizia appresa poco prima di scendere in campo. Il giocatore ha evitato di parlarne nella conferenza stampa post gara, affidando la sua dedica e il suo ricordo a un successivo post su Instagram.
"La vita non è solo vincere o perdere. Alzare trofei e celebrare successi è importante, ma non è tutto. Cinque minuti prima di scendere in campo la mia amata nonna ha perso la sua battaglia con la vita. Una donna saggia, la cui fede nella vita e la volontà di dare e offrire non può essere paragonata a nessun altro essere umano che io abbia mai incontrato. È importante che ci siano più persone come lei in questo mondo. Poiché persone come lei vi fanno vivere. E vi fanno sognare. Vorrei dire che indipendentemente dal giorno, dalla circostanza o dalla situazione, questo è interamente dedicato a lei, e solo a lei. Grazie per aver cresciuto mio padre. Senza di lui questo non sarebbe stato possibile".
Roland Garros
Berrettini-Djokovic: al Roland Garros andò così, il match in 4'
08/09/2021 A 07:58

Tsitsipas sontuoso a tutto campo: il punto del primo set

Roland Garros
Da Tsitsipas a Karatsev: i 5 momenti più divertenti del torneo
15/06/2021 A 10:15
Roland Garros
Da Nadal a Djokovic: la Top 5 delle palle corte a Parigi
14/06/2021 A 20:27