Lorenzo Sonego (n.42 del mondo) rispetta i favori del pronostico e si impone nel primo turno dell’ATP di Pula, in Sardegna, con il punteggio di 6-2 7-6 (4) nei confronti di Giulio Zeppieri (n.317 del ranking), presente nel tabellone principale grazie a una wild card. Un match nel quale soprattutto dal punto di vista gestionale si è notata la differenza tra i due, con Sonego che ha saputo interpretare al meglio le fasi decisive del match, concludendo in due frazioni nonostante il tentativo estremo del suo giovane rivale di protrarre il tutto al terzo set. Nel prossimo turno il classe ’95 del Bel Paese se la vedrà contro il ceco Jiri Vesely (n.67 ATP) e sarà un match interessante.

PRIMO SET– Dal primo quindici il piemontese impone un grande ritmo da fondo. In particolare, con il dritto a sventaglio il n.42 del mondo mette in difficoltà Zeppieri, costretto agli straordinari per annullare le tre palle break in apertura. Sonego continua a spingere, salendo di livello anche con il rovescio, e così arrivano due break nel quinto e settimo gioco che danno una dimensione alla frazione ben gestita dal torinese. Il 6-2 in suo favore (con 2 ace, l’89% dei quindici conquistati con la prima di servizio e il 73% con la seconda) descrive la sicurezza con cui Lorenzo ha giocato il parziale.

ATP, Colonia
Tennis, ATP Colonia: Jannik Sinner affronterà James Duckworth
3 ORE FA

SECONDO SET – Lo spartito sembra sempre lo stesso: Sonego on fire e Zeppieri troppo falloso e “in polemica” col nastro. Il 3-1 con break e le due chance non sfruttate dal 25enne nativo di Torino di doppio break nel quinto game pongono l’accento sull’andamento fino a questo punto della frazione. Zeppieri, da grande “cagnaccio” quale è, non ci sta e quindici dopo quindici trova il campo con maggior regolarità, sfruttando meglio le sue traiettorie mancine. Il controbreak si materializza nel decimo gioco quando Lorenzo serve per il match e deve fare i conti con il grande carattere del proprio avversario. Si va al tie-break e in questo caso la maggior esperienza del n.42 ATP fa la differenza, in fatto di gestione dei momenti decisivi. La partita va in archivio sullo score di 7-4, con il piemontese che conclude con 3 ace, l’82% dei punti ottenuti con la prima in battuta e il 65% con la seconda.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Sonego battuto da Schwartzman: il match in 180 secondi

Roland Garros
Top 10: le palle corte più belle del Roland Garros 2020
3 ORE FA
Tennis
Cecchinato dopo ko in finale: "Sono fiducioso"
8 ORE FA