Rafael Nadal non parteciperà nè a Wimbledon (in programma dal 28 giugno all'11 luglio) nè al torneo olimpico di Tokyo (24 luglio-1° agosto) La decisione arriva a meno di una settimana dal termine del Roland Garros, dove lo spagnolo si è fermato in semifinale contro il futuro campione Novak Djokovic. Ad annunciarlo è lo stesso giocatore con un lungo post sui propri profili social, dove spiega le motivazioni del forfait.

Djokovic-Nadal in 250 secondi: gli highlights di un match epico

Tokyo 2020
Olimpiadi, tutto il meglio del tennis a Tokyo 2020 in 100''
02/08/2021 A 13:38
"Ciao a tutti, ho deciso di non partecipare a Wimbledon e ai Giochi Olimpici di Tokyo. Non è mai una decisione facile da prendere, ma dopo aver ascoltato il mio corpo e parlato con il mio team ho capito che è la scelta giusta. L'obiettivo è allungare la mia carriera e continuare a fare ciò che mi rende felice, cioè competere al massimo livello e lottare per questi obiettivi professionali e personali al massimo della competizione possibile."

Smorzata di Nadal indietreggiando, Djokovic incredulo

La stagione sul rosso è stata estenuante per Nadal, che ha fatto visibilmente più fatica rispetto agli altri anni e dove per la prima volta in carriera, a 35 anni compiuti da qualche settimana, è sembrato in calo (pur vincendo Barcellona e Roma). "Il fatto che ci siano solo due settimane tra il Roland Garros e Wimbledon ha reso più il difficile il recupero per il mio corpo dopo la sempre esigente stagione sulla terra. Sono stati due mesi di grande sforzo e la mia decisione è di focalizzarmi sul medio e sul lungo periodo".

Rafael Nadal, medaglia d'oro in singolare a Pechino 2008

Credit Foto Other Agency

Nadal ha vinto due volte Wimbledon (2008 e 2010) e centrato altre tre finali, anche se l'ultima risale ormai a 10 anni fa. Ai Giochi Olimpici, invece, ha partecipato in due edizioni: oro in singolare a Pechino 2008 e sconfitta in semifinale contro Del Potro a Rio 2016 (dove perse anche la finalina per il bronzo contro Kei Nishikori), oro in doppio con Marc Lopez in Brasile. Due viaggi a cinque cerchi che il maiorchino non può dimenticare. "Le Olimpiadi hanno sempre significato molto e sono sempre state una priorità come atleta, vi ho trovato lo spirito che ogni sportivo vuole vivere. Personalmente ho avuto la possibilità di vivere tre di questi tornei e l'onore di fare il portabandiera per il mio Paese".

Nadal non muore mai: il dritto in corsa castiga Schwartzman

Tokyo 2020
ZVEREV CORONA IL SOGNO, ORO CONTRO KHACHANOV: GLI HIGHLIGHTS IN 5'
01/08/2021 A 13:44
Tokyo 2020
DOPPIO FEMMINILE, NESSUNA SORPRESA: ORO PER KREJCIKOVA/SINIAKOVA
01/08/2021 A 09:58