I Giochi Olimpici di Tokyo sono sempre più vicini e purtroppo il tennis non vedrà molte delle sue stelle. Come nel torneo maschile, anche quello femminile è stato investito da numerose defezioni, seppur in maniera minore: sono sedici le giocatrici fra le prime cinquanta al mondo a non essere partite verso il Giappone, con Cori Gauff ultima a dover dare forfait per la sua positività al Covid. Un peccato, con questa malattia che ci toglie una probabile protagonista al torneo e soprattutto l’ultima tennista capace di sconfiggere in uno Slam sul cemento Naomi Osaka, la favorita numero uno per l’oro. A soli 23 anni, la tennista giapponese si è oramai imposta come la giocatrice da battere sul cemento. Dalla sua definitiva esplosione nel 2018 la numero 2 del mondo ha vinto quattro prove dello Slam, equamente divise tra Australian Open e Us Open, senza mai essere sconfitta in finale. La sua pesantezza di palla sul duro è davvero letale per le avversarie, e notoriamente la Osaka tende ad essere una giocatrice più performante quando la posta in palio si alza. E in più, non vorrà farsi sfuggire la possibilità di diventare campionessa olimpica a casa sua.
Il medagliere | Il calendario completo | Gli Azzurri
Guarda tutte le gare delle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbonandoti a Discovery+: 3000 le ore live, fino a 30 canali in contemporanea dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti. E potrai rivedere quando vuoi tutte le gare nella sezione VOD. Abbonati ora su discoveryplus.it: dal 19 luglio al 1 agosto, 3 giorni di free trial e abbonamento per 12 mesi a 29,90 euro complessivi.
Tokyo 2020
Il tennis a Tokyo 2020: formula, partecipanti e calendario
20/05/2021 A 10:46

La forte candidatura di Ashleigh Barty

Wimbledon ha reso nota quella che può essere la potenziale candidata a infrangere il sogno della Osaka, Ashleigh Barty. La numero 1 al mondo ha un tennis che le può permettere di vincere ovunque, estremamente tecnico e redditizio come ha dimostrato con i suoi successi. Il problema reale è che sul cemento non è ancora riuscita a trasferire tutte le sue innegabili qualità, ma dopo il successo a Londra potrà prendere in maniera più leggera i suoi Giochi. Senza le altre vincitrici degli Slam sul cemento, Sofia Kenin e Bianca Andreescu, e la decana Serena Williams, a ricoprire i ruoli di dark horses sono davvero in tante. Aryna Sabalenka è alla ricerca della definitiva esplosione e a Tokyo potrebbe essere il momento giusto, ricalcando le orme di Andy Murray ai Giochi del 2012 che si sbloccò con l’oro di nove anni fa; Elina Svitolina, fresca sposa di Gael Monfils, è una giocatrice che si esprime al meglio sul cemento, su cui ha vinto undici dei sedici titoli in bacheca; anche giocatrici come Garbine Muguruza e Jennifer Brady, finaliste negli ultimi due Australian Open, si giocheranno le loro carte per andar via da Tokyo con una medaglia al collo.
Tokyo 2020
VONDROUSOVA IN FINALE! IL MATCH CON LA SVITOLINA IN 160''
4 ORE FA
Tokyo 2020
DJOKOVIC LASCIA DUE GAME A NISHIKORI: TERZA SEMI OLIMPICA
5 ORE FA