Jannik Sinner ha chiuso il suo 2020 in bellezza, vincendo a Sofia il suo primo titolo ATP e raggiungendo il nuovo best ranking con il 37° posto assoluto nella graduatoria mondiale. Il 19enne azzurro, nonostante una stagione condizionata dal Covid e di conseguenza da un numero minore di tornei (oltre al semi-congelamento del ranking), ha comunque brillato trovando un acuto importante anche a livello Slam con i quarti di finale raggiunti al Roland Garros. Il nativo di San Candido si è poi dovuto arrendere a Rafael Nadal, dominatore del torneo parigino e re indiscusso della terra rossa, tenendo comunque egregiamente il campo almeno nei primi due set.

Toni Nadal, zio ed ex allenatore di Rafa, ha concessa un’intervista al Corriere dello Sport fornendo il suo punto di vista su Sinner in ottica futura: “È un grande giocatore, uno dei candidati a essere il numero uno del mondo. Nonostante la sua gioventù dimostra maturità nel gioco: l’ho visto alcune volte, l’ultima contro Rafa al Roland Garros. Conosco le sue qualità già da tempo, avevo visto dei suoi video su YouTube, ha un grande futuro e sicuramente lui, Tsitsipas e Medvedev lotteranno per il primo posto nei prossimi anni. Sinner mi sembra molto completo, fa tutto abbastanza bene, anzi, molto bene“.

Tennis
Sinner, l'affettuoso abbraccio di Piatti al rientro da Sofia
17/11/2020 A 12:30

erik.nicolaysen@oasport.it

Vinci: "Non si poteva chiedere a Sinner di battere subito Nadal"

Tennis
Sinner macchina da soldi, 2 milioni di euro di sponsor
17/11/2020 A 10:00
ATP, Sofia
Sinner e la calma dei forti nell'Italia del tutto e subito
16/11/2020 A 08:44