Termina ai quarti il sorprendente cammino di Botic van de Zandschulp. Eppure, il numero 117 del mondo, proveniente dalle qualificazioni, riesce a togliersi l'ultimo sfizio: strappare un set a Daniil Medvedev, protagonista di un percorso netto nei primi quattro turni. Non era scontato visto l'andamento dei primi due set che presentano il conto all'olandese: un conto quantificabile in 19 ore e 37 minuti, il tempo trascorso per raggiungere questo step del torneo contro le 7 ore e 24 minuti del suo avversario.

Un Medvedev insaziabile schianta van de Zandschulp: il match in 3'

Un percorso lungo e faticoso quello di van de Zandschulp, attraverso sette match e nove set lasciati per strada. Breakkato per tre volte nel primo parziale, l'olandese cede di schianto il secondo con un bagel: regala con il dritto e accusa problemi alla gamba sinistra rendendo ancora più agevole il compito della testa di serie numero 2.
US Open
Il lato umano di Novak Djokovic, ferito ma finalmente amato
13/09/2021 A 14:33

Recupero impressionante di Medvedev: risposta da posizione impossibile

Eppure, qualcosa si riaccende nella testa e nel tennis di van de Zandschulp che, nonostante tre palle-break non sfruttate in avvio di terzo set (nel game più lungo, da 16 punti), riesce a togliere la battuta a Medvedev nel quinto: il russo non perde così solo il primo turno di servizio del suo torneo, ma anche il primo set per 4-6.

Medvedev: "Van de Zanschulp è da top 30, voglio sfidare la next gen"

Il finalista dell'edizione 2019 sembra infastidito contro un giocatore sempre tranquillo e in grado di ritrovare il dritto, il dinamismo e la palla corta. Il russo rispolvera, però, il suo miglior livello e serve alla perfezione nel quarto set totalizzando alla fine 13 ace e 36 vincenti e convertendo 7 delle 12 palle-break a disposizione. Van de Zandschulp annulla un match-point nel decimo gioco prima di arrendersi per 6-3 6-0 4-6 7-5.

Medvedev: "Tweener da migliorare? Il mio gioco non ne ha bisogno"

Daniil Medvedev conquista la terza semifinale consecutiva a New York dove attende Carlos Alcaraz o Felix Auger-Aliassime. In ogni caso partirà da favorito per un posto in finale agli US Open. Dal 2018 è il giocatore che ha vinto più titoli sul cemento (11), che ha disputato più finali (16) e che ha vinto più partite (144). Chi vorrà portarsi a casa questo Slam dovrà fare i conti con lui.

Van de Zandschulp, il tormentone: come si pronuncia?

US Open
Medvedev: "La mia esultanza? L’ho copiata da FIFA"
13/09/2021 A 12:40
US Open
Daniil Medvedev priva Djokovic del Grande Slam: è lui il campione
12/09/2021 A 22:34