Al termine della finale dello US Open vinta per 3-0 contro Novak Djokovic, Daniil Medvedev (che di solito non festeggia le vittorie) si è buttato a terra con una certa flemma dicendo al suo angolo di non esagerare con i festeggiamenti. Interrogato sulla peculiare esultanza ha spiegato: "Ero a Wimbledon, e stavo giocando bene perché anche se non mi trovo bene sull’erba come sul cemento, comunque è una superficie che mi piace. Una notte non riuscivo a dormire, per 5-10 minuti continuavo ad avere pensieri assurdi come capita a tutti, e mi sono detto, se dovessi vincere il torneo contro Novak dovrei trovare un’esultanza, non posso non fare niente, sarebbe noioso, è quello che faccio sempre. Allora mi è venuto in mente FIFA, perché mi piace giocare con la PlayStation: c’è un’esultanza che si chiama "il pesce morto", si vede molto spesso. Allora ho chiesto ai giocatori più giovani, e loro mi hanno detto che sarebbe stata una celebrazione leggendaria, e così l’ho fatta".
"Non mi interessa finire sui giornali perché parlo dell’esultanza di FIFA, ma volevo rendere il momento speciale per le persone a cui voglio bene e per gli amici con cui gioco a FIFA. Dico la verità, non è facile farlo sul cemento, mi sono anche fatto un po’ male! Però sono contento di aver reso il momento leggendario per me stesso".
US Open
Becker sul flop di Djokovic: "Ha sbagliato ad andare a Tokyo"
16/09/2021 A 12:44

Medvedev: "La mia esultanza? L’ho copiata da FIFA"

US Open
Tifosi, che spettacolo! Il meglio dagli spalti degli US Open
14/09/2021 A 20:21
US Open
La lezione di Alcott dopo il Grande Slam: "Fiero della mia disabilità"
14/09/2021 A 17:06