In un match di secondo turno che nascondeva qualche piccola insidia - e per questo molto gradito da Federer che si presentava al Championship con qualche certezza in meno del solito, ovvero senza vincere Halle - Roger si trasforma in una specie di big-server per regolare le ambizioni di Lukas Lacko che, fresco finalista di Eastbourne contro Mischa Zverev, sull'erba ha un bel bottino di vittorie alla soglia dei trent'anni.
Lacko non è allora un avversario "scontato" perché gioca un tennis insolito ma completo, con la risposta come unica parte deficitaria e un rendimento regolare. I primi 6 game del match sono infatti piuttosto equilibrati e a metà parziale si vede Roger cambiare campo quasi spazientito dalla tenuta dello slovacco. Così, dall'immediato break del 4-3, Federer non si ferma più col servizio mettendo giù 16 ace, ma soprattutto totalizzando una serie monstre di 35 punti consecutivi nei suoi game: 20/20 nel secondo set chiuso con lo stesso punteggio.
Wimbledon
Sua Maestà Roger Federer danza a Wimbledon e ha un nuovo sponsor: Lajovic cede in 3 set
02/07/2018 A 10:36
Per non parlare della durata dei suoi turni di battuta: ace, servizi vincenti, combinazioni di dritto, serve&volley. Tutto in meno di un minuto. Il circoletto rosso è su un drop-shot nascosto nelle corde di un rovescio che disegna l'arcobaleno sopra il prato di Londra. La serie di Federer finisce quando, nel suo ultimo turno di servizio, Lacko estrae un rovescio controbalzo per passare Roger dall'orlo del baratro. Anzi no, diciamo a un passo dalla resa perché per due parziali è stato un match equilibrato sui generis e nessuno faccia l'eroe... Oggi che la finale è ancora lontana.
La differenza tra me e gli altri giocatori qui a Wimbledon? Slice e footwork. (Roger Federer)

Gli altri

Raonic, il bombardiere canadese, vince tre tie-break con il medesimo punteggio (7-4) e dà appuntamento a Novak che elimina Pouille in cinque set. Medvedev e Mannarino si sbarazzano con facilità rispettivamente di Garcia-Lopez e Harrison mentre Querrey, che troverà Monfils, fa valere la legge del servizio con Stakhovsky, famoso per aver giocato un brutto scherzo a Federer nel 2013. A Ivo Karlovic non bastano 61 ace per avere la meglio su Struff che si regala re Roger al terzo turno grazie a un palpitante 13-11 al quinto dopo quasi quattro ore.
ATP, Basilea
Federer torna a Basilea: Roger iscritto anche al torneo di casa
26/04/2022 A 12:46
Tennis
Federer accelera i tempi: già in campo in primavera?
02/03/2022 A 11:23