Emma Raducanu è la storia della settimana. Attuale n°338 del mondo, in tabellone grazie a una wild card, non solo al primo slam della carriera ma senza nemmeno mai essere entrata nel main draw di un qualsiasi torneo WTA... E dritta agli ottavi di finale. Un tennis brillante, coraggioso, quella della ragazza di passaporto britannico ma nata in Canada da padre romeno e madre cinese. Una di quelle favole tutte da raccontare, perché grazie al successo, la 18enne Raducanu – classe 2002 – diventa la più giovane britannica ad aver mai centrato gli ottavi di finale a Wimbledon. Davvero emozionante il suo finale di partita contro la romena Cirstea, con il 6-3 7-5 che vale l’accesso agli ottavi di finale contro Ajla Tomljanovic.
Brava l’australiana, fidanzata di Matteo Berrettini, a uscire vincitrice da una gran battaglia con Ostapenko. Era in ripresa l’ex campionessa del Roland Garros e non è stata una partita semplice nemmeno dal punto di vista emotivo, con un finale di match dove ci sono state anche polemiche. Tomljanovic infatti non ha preso bene la richiesta di medical timeout di Ostapenko dopo aver subito il secondo break nel terzo e decisivo set. Tomljanovic ha perso il servizio dopo le pause – e la lunga protesta – ma è comunque riuscita a chiudere la partita: 4-6 6-4 6-4 il punteggio che le regala gli ottavi – sulla carta fattibili – con Raducanu.
Wimbledon
Berrettini regala a Draghi la sua racchetta
12/07/2021 A 21:51
Prosegue la corsa di un’altra teenager, Coco Gauff. Esplosa nel mondo mainstream del tennis proprio in questo torneo due anni fa, Gauff sta confermando il buon momento di forma e le cose fatte vedere anche a Parigi. Un doppio 6-3 molto convincente quello della giovanissima americana su Kaja Juvan. Per Gauff adesso però arriva un bel test: Angelique Kerber.
La tedesca, finita da tempo un po’ ai margini con risultati piuttosto scadenti, si ritrova su quei prati che la videro vincitrice. Bella la vittoria in rimonta a Sasnovich: 2-6 6-0 6-1. L’incrocio generazionale con la Gauff può uscire divertente.
Un match lottato è stato quello tra Linette e Badosa, con la spagnola alla fine vincitrice in rimonta. Badosa si è imposta per 5-7 6-2 6-4 confermando anche lei le buone sensazioni che si porta dietro ormai dall’inizio del 2021. Per Badosa agli ottavi c’è Muchova, giustiziere in 2 set della finalista del Roland Garros Anastasia Pavlyuchenkova per 7-5 6-3.
Partita molto tirata è stata anche quella tra Krejcikova e Sevastova. Alla fine ha la meglio la vincitrice dell'ultimo Roland Garros. Krejcikova passa per 7-6 3-6 7-5 e centra così il suo primo accesso alle seconda settimana di Wimbledon. Troverà la n°1 del mondo Ashleigh Barty. L'australiana non ha una partita semplice con la Siniakova, ma si impone per 6-3 7-5 centrando così ancora una volta la seconda settimana di un torneo dello slam: è successo in 8 degli ultimi 9 tornei dello slam che ha giocato. Con Kreijcikova sarà una bella sfida: n°1 e n°2 della Race 2021. Non male.

Serena: "Non sarò a Tokyo, non mi va di dirvi le ragioni"

Wimbledon
Berrettini: "Difficile gestire tutte le emozioni, vi ho portato con me"
12/07/2021 A 16:40
Wimbledon
Berrettini eroico, Djokovic è leggenda: il film della finale
12/07/2021 A 10:26